Politica | Articoli

Province: la Sardegna le abolisce con referendum ma il Consiglio Regionale si oppone

31 Maggio 2012 | Autore:
Province: la Sardegna le abolisce con referendum ma il Consiglio Regionale si oppone

Gli abitanti della Sardegna cancellano, con referendum, le Province, ma la classe politica isolana approva di fretta una legge regionale che contrasta l’espressione della volontà popolare: una sorta di “guerra civile”.

I cittadini sardi, chiamati alle urne circa un mese fa a pronunciarsi su dieci quesiti referendari [1], hanno sancito l’abolizione delle Province di Medio Campidano, Carbonia-Iglesias, Ogliastra e Olbia-Tempio.

Il 66% dei votanti, inoltre, si è detto favorevole alla cancellazione delle storiche Province di Cagliari, Nuoro, Sassari e Oristano. In questo caso, però, il referendum aveva carattere consultivo. Ragion per cui, il parere espresso dai cittadini non vincolava le Istituzioni regionali.

La dimostrazione di quanto il risultato di un referendum possa essere ridimensionato, se non addirittura vanificato, sta nella decisone del Consiglio Regionale Sardegna: pochi giorni fa, è stata approvata da tutti i gruppi e partiti che lo compongono [2] una legge che prevede la sopravvivenza delle quattro Province per altri nove mesi, fino al febbraio 2013. La motivazione: evitare il “caos giuridico” che la cancellazione immediata avrebbe comportato. Sarà, quindi, avviata una gestione transitoria per curare l’ordinaria amministrazione, la ricognizione dei beni e del personale.

 

 


note

[1] Cinque abrogativi e cinque consultivi.

[2] Pdl, Pd, Udc, Psd’Az, Idv e SelUnica voce fuori dal coro, i Riformatori Sardi.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube