Diritto e Fisco | Articoli

Canone Rai, come pago se non ho il contratto Enel?

26 agosto 2016 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 agosto 2016



Pagamento del canone Rai per chi non ha un’utenza dell’energia elettrica: con quali modalità deve essere effettuato?

Hai sempre pagato il canone Rai, ma quest’anno non sai come fare perché la bolletta della luce non è a tuo nome? Non preoccuparti, tanti italiani sono nella tua situazione: ad esempio, chi è in affitto e paga un’utenza dell’elettricità intestata al proprietario della casa.

In questi casi, per essere in regola, se non vuoi volturare l’utenza a tuo nome o a nome di un tuo familiare, devi pagare il canone utilizzando il modello F24. Vediamo come si fa.

Canone Rai: a quanto ammonta

Innanzitutto, devi sapere quanto pagare: l’importo totale del canone Rai è di 100 euro, che comprende 92,18 euro a titolo di canone vero e proprio, 3,69 euro di Iva e 4,13 euro come tassa di concessione governativa per il rinnovo degli abbonamenti ad uso privato.

Purtroppo non ti è possibile pagare il canone a rate, come chi ha l’addebito nella bolletta, ma lo devi saldare in un’unica soluzione.

Canone Rai: come si compila l’F24

Veniamo ora al modello di pagamento. Devi compilare il modello F24, alla sezione Erario, con il codice:

TVRI, se sei già titolare di un abbonamento Rai e devi pagare per il consueto rinnovo annuale;

TVNA, se stai pagando per un nuovo abbonamento.

Per quanto riguarda l’importo, devi indicare la cifra di 100 euro, senza suddividerla tra canone, Iva e rinnovo.

Nell’anno di riferimento devi inserire l’anno a cui si riferisce l’abbonamento, in questo caso 2016.

Attenzione: i codici tributo TVRI e TVNA sono attivi solo dal 1° settembre 2016: non è possibile pagare il canone tramite F24 prima di questa data.

Canone Rai: quando non devi pagare

Non sei comunque tenuto a pagare il canone Rai se:

– hai più di 75 anni e un reddito sotto i 6.713 euro;

– nella tua famiglia anagrafica qualcuno paga già il canone;

non possiedi televisori o apparecchi che possono ricevere il segnale terrestre o satellitare: ad esempio, non paghi se possiedi un pc senza sintonizzatore TV o un solo monitor per computer; non paghi anche se possiedi una vecchia tv col solo sintonizzatore analogico.

Devi comunque pagare se il televisore o l’apparecchio che può ricevere il segnale terrestre o satellitare appartiene al proprietario dell’appartamento: la legge infatti stabilisce che l’inquilino sia tenuto al pagamento come detentore dell’apparecchio [1].

note

[1] Art. 1 RDL n.246 del 21/2/1938.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI