HOME Articoli

Lo sai che? Se mi licenzio prendo la disoccupazione?

Lo sai che? Pubblicato il 7 agosto 2016

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 agosto 2016

Naspi: per ottenere l’assegno di disoccupazione le dimissioni del dipendente devono avvenire per giusta causa.

Se il dipendente “si licenzia ha diritto all’assegno di disoccupazione solo a condizione che le dimissioni siano avvenute per “giusta causa”; diversamente alcun sussidio come la Naspi gli può essere erogato dall’Inps.

Quando il lavoratore si licenzia (in verità, è più corretto dire “si dimette”, essendo il “licenziamento” l’atto tipico del datore di lavoro) le motivazioni alla base di tale scelta possono essere le più disparate: ragioni di carattere personale, una diversa occupazione, incompatibilità lavorative per questioni di carattere fisico o ambientale (ad esempio, incomprensioni con colleghi, superiori gerarchici, datore di lavoro), mancato pagamento dello stipendio, demansionamento, comportamenti mobbizzanti da parte dei vertici dell’azienda, molestie sul luogo di lavoro, riduzione dell’orario di lavoro conseguente a uno stato di crisi dell’impresa, ecc.

Possiamo quindi dire che le dimissioni possono essere divise in due macro categorie:

  • quelle a cui il lavoratore è costretto per via di circostanze che si riflettono negativamente su di lui e che rendono non più proseguibile il rapporto di lavoro; in tali casi il dipendente è di fatto obbligato a dimettersi per non subire un’ingiustizia, ma, in assenza di tali situazioni, egli avrebbe proseguito il rapporto di lavoro;
  • quelle invece dettate da valutazioni personali del lavoratore, anche se motivate da ragioni di carattere impellente (curare un familiare che ha bisogno di assistenza), motivazionale (impossibilità di crescita all’interno dell’azienda) o conflittuali (diverbi con colleghi e/o antipatie reciproche).

Solo nel primo caso le dimissioni danno diritto all’ottenimento dell’assegno assistenziale dell’Inps (attualmente si chiama Naspi). In altre parole, per rispondere alla domanda introduttiva, se il dipendente si licenzia non sempre prende la disoccupazione: ne ha diritto solo quando la sua scelta non è dettata dalla sua volontà, ma dalla necessità di evitare un’ingiustizia ai suoi danni.

In quali casi, se mi licenzio prendo la disoccupazione?

Sulla scorta di alcune sentenze, possiamo elencare alcuni dei casi più tipici di dimissioni per giusta causa, che danno cioè diritto all’indennità di disoccupazione:

  • mancato o ritardato pagamento della retribuzione;
  • omesso versamento dei contributi (salvo che tale inadempimento sia stato a lungo accettato dal lavoratore) [2];
  • comportamento ingiurioso del superiore gerarchico verso il dipendente [3];
  • pretesa del datore di lavoro di prestazioni illecite del dipendente;
  • molestie sessuali perpetrate dal datore di lavoro nei confronti del dipendente;
  • significativo svuotamento del numero e del contenuto delle mansioni, tale da determinare un pregiudizio al bagaglio professionale del lavoratore (cosiddetto “demansionamento”) [4];
  • mobbing;
  • nel caso di litigio avvenuto con i colleghi sul luogo di lavoro, perché esso dia luogo a dimissioni per giusta causa si deve trattare di un abuso posto ai danni del dipendente e non di uno screzio reciproco; il dipendente si deve trovare cioè in una condizione di inferiorità, costretto a subire l’ingiustizia per via del numero di colleghi postisi contro di lui (si pensi a un tale puntualmente preso in giro da tutti gli impiegati del proprio ufficio) o della superiore posizione gerarchica degli stessi. Il datore di lavoro è infatti obbligato a garantire la salute sul luogo di lavoro non solo sotto un aspetto fisico, ma anche psichico.

Dimissioni: a cosa ha diritto il lavoratore?

Il lavoratore che dà le dimissioni per giusta causa ha diritto:

– all’indennità sostitutiva del preavviso;

– a richiedere l’indennità di disoccupazione.

A quali condizioni, se mi licenzio, prendo la disoccupazione?

In aggiunta alla perdita involontaria dell’occupazione, occorre che il lavoratore sia in possesso, congiuntamente, dei seguenti requisiti:

stato di disoccupazione involontaria;

– almeno 13 settimane di contribuzione nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;

– 30 giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

Lo stato di disoccupazione, che presuppone l’assenza di un impiego e la dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa ed alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il Centro per l’impiego deve permanere per tutto il periodo di fruizione dell’indennità.

Come detto lo stato di disoccupazione deve essere involontario.

Come anticipato sopra, il dipendente che “si licenzia” ha diritto alla disoccupazione in alcune ipotesi di cessazione involontaria del rapporto ed altre ad esse assimilate. Eccole:

  • licenziamento disciplinare [5];
  • risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuta in sede protetta (procedura di conciliazione presso la DTL);
  • risoluzione del rapporto di lavoro avvenuta per via del rifiuto del dipendente a trasferirsi ad altra sede della stessa azienda, purché distante oltre 50 km dalla residenza o raggiungibile in 80 minuti o oltre con i mezzi di trasporto pubblici [6];
  • mancato pagamento della busta paga;
  • l’aver subito molestie sessuali nei luoghi di lavoro;
  • modificazioni peggiorative delle mansioni lavorative;
  • mobbing;
  • notevoli variazioni delle condizioni di lavoro a seguito di cessione ad altre persone (fisiche o giuridiche) dell’azienda;
  • trasferimento del lavoratore da una sede ad un’altra, senza che sussistano le “comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive”;
  • ingiurie proferite dal superiore gerarchico nei confronti del dipendente;
  • dimissioni rassegnate durante il periodo tutelato di maternità (da 300 giorni prima della data presunta del parto e fino al compimento del primo anno di vita del figlio).

note

[1] Cass. sent. n. 5146/1998; n. 648/1988.

[2] Cass. sent. n. 1339/1983; n. 2956/1980.

[3] Cass. sent. n. 1542/2000; n. 5977/1985.

[4] Cass. sent. n. 13485/2014.

[5] Risp. Interpello Min. Lav. 24 aprile 2015 n. 13; Circ. INPS 29 luglio 2015 n. 142.

[6] Circ. INPS 29 luglio 2015 n. 142.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. Salve,io vorrei fare alcune domande lavoro dall’ 2011 per una cooperativa che ogni anno o due ha cambiato nome da cui non ho mai percepito un soldo sono stata in maternità e sono rientrata dopo che mio figlio aveva un anno ho lavorato per 6mesi e poi ho dovuto parlare con la mia cooperativa perché avevo problemi con il mio bambino (con chi lasciarlo) con la orari del asilo e scuola materna del mio figlio più grande e le sue lezione logopedia me stato impossibile rientrare al mio orario di lavoro 8-17 me hanno detto che non mi possono aspettare e che devo andare al Inps. Ho diritto al mio TFR? E se si? Cosa devo fare? Grazie

  2. Buon giorno volio fare una domanda o lavorato ca badanta e mi volio lecinziare per problemi di salute come facio sabere tutti drite o lavorato 9 anni

  3. Buonasera io ho lavorato per 19 mesi presso una cooperativa che ora chiuso e il datore di lavoro dopo avermi fatto firmare una lettera dove venivo licenziata me ne ha fatto firmare un’altra dove venivo assunta da un’altra cooperativa sempre a tempo indeterminato. In caso di licenziamento dopo poco tempo da quest’altra coop la disoccupazione la prendo tenendo conto anche dei 19 mesi passati oppure no? Grazie

  4. salve lavoro in un cantiere nautico dal 2010 assunto regolarmente ma nel 2011 tutto e andato a rotoli il mio datore non e stato più in grado di retribuirmi uno stipendio regolare siamo arrivati a dicembre 2017 ed avanzo oltre tre mesi di stipendi pieni e qualche arretrato dopo tutto ciò mi viene detto che anche questo mese ci saranno dei problemi. mi auguro che faccia qualcosa altrimenti mi ritrovo ad avanzare dicembre e tredicesima che dite se mi dimetto ho diritto alla disoccupazione

  5. Il mio fidanzato ha lavorato per 4 anni presso la stessa ditta come idraulico. Dopo 4 anni si è dimesso perchè era stato contattato da un’altra ditta che gli avevano offerto un contratto di apprendistato di 3 anni, più vantaggioso. Dopo un periodo di prova di 3 settimane però hanno deciso di non fargli proseguire il contratto.
    Ha diritto alla Naspi o si ritrova senza niente?

  6. Salve! Ho lavoro come baby siter e mi sono data le dimissioni per problemi di salute sia che miei che per mia mamma.Ho inziato in 13 novembre il periodo di prova fino al 25 quando è partito il contrato di lavoro.Ci siamo messi d’accordo 8 ore dal lunedì al venerdì e sabato e domenica dalle 11:30 fino alle 22:30 solo che l’accordo è caduta nn facevo più 8 ore e10 /11 e sabato e domenica 13/14 ero sfinita ho iniziato dimagrire lo stress a nn stare bene. il 12/ 15 /16e fino al 27 ho lavorato 14 ore mangiare una fetta di pane con una fetta di prosciutto, e di nuovo 30 e 31 ho fatto pure dritto la notte del capodanno sveglia perché i bambini hanno pianto tt la notte .Riposo ho avuto appena in 2 di gennaio.2 settimane così mi hanno sfinita .ho iniziato a stare male acasa mia mamma che stava male.cosi quando sono tornata al lavoro in 4 ho detto con la signora. che voglio andare via voglio dare le dimensioni lei mi dise di pensare ma se io stavo bene come devono ancora pensare .Li ho detto che ci penso e li darò la conferma ,la conferma e lo fatta in 6.lei aveva detto che nn dice con suo marito che figurava come mio dattore di lavoro nel contratto,per motivo che nn li vogle rovinare l’weekend.Visto così il secondo gg ho mandato un mesaagio anche alla segreteria Del mio dat. in 10 di gennaio ho firmato le dimissioni.Mi dovevano mandare da firmare ancora l’originale del foglio ho fatto che me lo mandasi via mail .ancora nn ho firmato. 10 gg lavorati in messe di gennaio ho ricevuto un bonifico di 80 € col motivo che nn e stato il preavviso. volevo chiedere e giusto così? GRAZIE

  7. Un dipendente che ha lasciato lavoro perché non aveva un contratto reale2ore/giorno,
    lavorava 6-7ore, e riceveva cca.3€/ora(in ristorante)…
    Chi deve chiedere cessazione del rapporto di lavoro, datore di lavoro o lavoratore dipendente?
    Può ricevere la documentazione?
    Grazie!

  8. Un dipendente che ha lasciato il lavoro perché aveva un contratto di lavoro irreale 2ore/giorno e lavorava 6-7 per 400€/mese, può ricevere la disoccupazione?
    Chi deve fare la domanda per cessazione del rapporto di lavoro?

  9. Salve a tutti vorrei sapere se mi licenzio e subito dopo apro un locale in società la disoccupazione la posso prendere o no??

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI