Business | Articoli

Selfiemployment riparte: ecco cosa cambia

6 Settembre 2016 | Autore:


> Business Pubblicato il 6 Settembre 2016



Riparte Selfiemployment, ma con una modifica sostanziale, ecco tutti i dettagli della misura di sostegno all’autoimpiego, gestita da Invitalia.

Dopo un periodo in cui i fondi erano esauriti, riparte Selfiemployment, la misura di sostegno al lavoro autonomo gestito da Invitalia. Il bando viene dunque rifinanziato, ma con una rilevante modifica in termini di possibilità di partecipazione.

Selfiemployment: quando riparte la misura di lavoro autonomo?

Il bando per la richiesta di finanziamento a valere sul selfiemployment potrà essere presentata nuovamente a partire dal prossimo 12 settembre.

Il programma è gestito da Invitalia sotto la supervisione del Minsitero del Lavoro ed è orientato a supportare lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali.

Selfiemployment: cosa cambia nei requisiti?

I requisiti per partecipare al programma consistono fondamentalmente nell’età, che deve essere compresa tra i 18 e i 29 anni. I giovani, inoltre, devono comunque essere NEET, ovvero non ricompresi tra i percorsi di istruzione e formazione o lavoro.

Non è più richiesto – a differenza di quanto accadeva nel bando dello scorso marzo – che i giovani richiedenti siano in uscita dal programma Garanzia Giovani. Si riapre dunque la misura di autoimpiego ad una platea molto più ampia di potenziali beneficiari.

Resta una premialità per chi ha partecipato a Garanzia Giovani, il percorso vale difatti 9 punti nella valutazione.

Selfiemployment: chi può fare domanda?

Al momento della presentazione della domanda, si deve scegliere se presentarla in forma di imprese individuali, di società di persone, o cooperative composte da massimo 9 soci.

La domanda può essere presentata da:

  • società inattive, costituite da non più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda,
  • società o aziende non costituite, a condizione che la costituzione avvenga entro 60 giorni dall’ammissione alle agevolazioni.
  • associazioni professionali e le società tra professionisti, che rispettino le stesse caratteristiche delle società di cui sopra.

Quali settori possono essere agevolati dalla misura di autoimpiego “Selfiemployment”?

Rientrano tra le tipologie di progetti finanziabili le iniziative dei settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, ovvero:

  • commercio al dettaglio e ingrosso;
  • manifattura e artigianato;
  • servizi alle imprese;
  • servizi alle persone;
  • servizi per l’ambiente;
  • servizi ICT (multimedia, informazione, comunicazione);
  • risparmio energetico ed energie rinnovabili;
  • turismo;
  • trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

Selfiemployment: quanto viene finanziato?

I finanziamenti -erogati senza interessi e senza forme di garanzia, vengono erogate secondo tre modalità (in tutti i casi sono finanziati al 100% delle spese ammissibili):

  • microcredito, per tutte le iniziative che prevedono spese ammissibili tra 5mila e 25mila euro;
  • microcredito esteso, per le iniziative comprese tra i 25.001 e i 35mila euro;
  • piccoli prestiti, per iniziative fino a 50mila euro di spesa.

I finanziamenti sono concessi a tasso zero. Sono disponibili oltre 114milioni di euro per il nuovo bando.

Selfiemployment: come presentare domanda per il finanziamento

A partire dal prossimo 12 settembre sarà possibile presentare domanda di agevolazione attraverso la procedura online del sito di Invitalia. La procedura di valutazione prevede la valutazione a sportello, saranno ammessi i progetti finanziabili, a concorrenza del totale dei fondi disponibili.

Alla domanda bisognerà allegare:

  • il Piano d’impresa
  • una descrizione dell’attività proposta,
  • l’analisi di mercato e un piano strategico e gli aspetti economico-finanziari del progetto.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA