Diritto e Fisco | Articoli

La vita dei diversamente abili

1 Giugno 2012 | Autore:
La vita dei diversamente abili
Pubblichiamo una lettera pervenutaci da una nostra lettrice: Natalia Marcelli

La disabilità è molto diffusa nella società, ma allo stesso tempo non è considerata. Si presentano molte difficoltà,non solo fisiche,ma anche culturali. I problemi nascono soprattutto perché non sono tutelati i  diritti dei diversamente abili e di conseguenza è calpestata la loro dignità. Un esempio sono le c.d. barriere architettoniche, che tolgono il piacere di una semplice passeggiata, di entrare in un locale, ecc.
Tutto questo potrebbe far pensare che non esiste una legislazione, ma non è così. In materia di disabilità la legislazione è molto vasta a livello internazionale (la convenzione sui diritti delle persone con disabilità), europeo, statale (legge 5 febbraio 1992, n 104), regionale. Le leggi esistono, ma non sono applicate, sono ignorate.
Nei confronti dei diversamente abili la società si mostra indifferente e per avere un cambiamento  è necessario informare, educare e sensibilizzare. Bisogna mutare il concetto che ancora oggi esiste sulla disabilità. Essa è considerata come una malattia, un male da nascondere. Ciò che è messo in risalto dei disabili sono i loro limiti, sofferenze e difficoltà, ma non si considera mai che  possiedono delle capacità.

La disabilità è un’esperienza di vita che può essere vissuta da tutti, anche provvisoriamente. Per questo motivo deve essere considerata una condizione di vita normale e possibile, non qualcosa di estraneo e lontano da noi.
Vivere con una disabilità si può, ma è necessario sviluppare sensibilità e rispetto. Dobbiamo fare in modo che i diritti dei diversamente abili siano tutelati e continuare a parlare di disabilità, perché solo così si può costruire una nuova società, che dia a tutti la possibilità di vivere in maniera dignitosa.

Natalia Marcelli ha poi inteso arricchire il suo articolo con un video prodotto in occasione di un convegno





Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube