Diritto e Fisco | Articoli

Anche il ciclista non può guidare ubriaco

13 Agosto 2016 | Autore:
Anche il ciclista non può guidare ubriaco

Costituisce reato di guida in stato di ebbrezza girare in bicicletta ubriachi, ma non è applicabile la sanzione amministrativa della sospensione della patente.

Per ormai costante orientamento dei giudici [1], risponde del reato di guida in stato di ebbrezza il conducente di veicoli non a motore, per i quali non è prevista alcuna abilitazione alla guida. Tra questi, ovviamente, rientra anche la biciletta. Anche la bici, infatti, è un mezzo che può interferire con il regolare e sicuro andamento della circolazione stradale. Da ciò discende, per l’appunto, un potenziale e concreto pericolo per gli utenti della strada che è destinato a crescere laddove la bicicletta venga condotta da soggetto ubriaco.

Al contrario di quanto avviene nei confronti del conducente di un veicolo a motore, al ciclista in stato di ebbrezza non è applicabile la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida. Difatti, in considerazione del fatto che la guida della bicicletta non necessita di alcuna abilitazione, la sanzione in questione non svolgerebbe comunque la funzione cautelare, sua ragion d’essere, ovverosia impedire il futuro utilizzo del mezzo con cui è stato commesso il reato.

In ogni caso, è sconsigliato mettersi alla guida di una bicicletta dopo aver “alzato il gomito”. Difatti, ancorché sia possibile salvare la patente, si andrà incontro ad un procedimento penale. La cosa migliore, se proprio non si può fare a meno di bere, è condurre la bici a mano, così da essere considerati alla stregua di un pedone.

Avv. UMBERTO MARTELLA – umbertomartella@outlook.com


note

[1] Tra le tante, Cass. sent. n. 4893/2015 del 2/02/2015


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube