Business | Articoli

Scadenza 770: entro quando pagare nel 2016

9 Settembre 2016
Scadenza 770: entro quando pagare nel 2016

Nel 2016 la scadenza per la presentazione del 770 è stata prorogata. Ecco le date entro cui effettuare la dichiarazione. 

Come è noto la scadenza del 770 è stata prorogata varie volte nel 2016. Ripercorriamo le tappe della proroga ma prima di tutto vediamo chi è obbligato alla presentazione.

Chi deve presentare il modello 770?

Il 770 è una dichiarazione che presentano i sostituti di imposta (ovvero chi nel trattenere le imposte dal compenso di terzi, di fatti “sostituisce” lo stato nel prelievo).

Viene presentata per dichiarare quali siano i compensi e le imposte trattenute per conto dello stato relativamente a compensi, salari e pensioni.

Si può presentare in 2 versioni, il modello 770 semplificato riguarda i dati delle certificazioni rilasciate ai soggetti che hanno percepito vari tipi di reddito; il modello 770 ordinario viene invece utilizzato oltre che dai sostituti di imposta anche dagli intermediari e dai soggetti che intervengono in operazioni fiscali rilevanti e che nella loro funzione sono tenuti a comunicare operazioni quali le ritenute sui dividendi, i proventi da partecipazioni o le operazioni di natura finanziaria e i redditi erogati nel corso dell’anno precedente

Proroga del 770: ecco come si è arrivati a settembre 2016

Generalmente la trasmissione telematica del modello 770, è dovuta al 31 luglio di ogni anno.

Tuttavia il 2016 è stato un anno particolare per questa scadenza, difatti:

  • il 31 luglio era domenica, e pertanto si è rimandata la scadenza al 1° agosto;
  • il 1° agosto scattava la sospensione feriale e si rimandava la scadenza al 21 agosto;
  • il 21 agosto era domenica dunque gli adempimenti fiscali erano slittati al 22 agosto 2016.

Per rendere certa la data del pagamento, l’Agenzia ha dunque accolto la richiesta delle associazioni di categoria  Anc, Aidc, Adc, Unagraco, Unico, Andoc e Ungdcec.

Le associazioni avevano richiesto lo spostamento in forza del fatto che tale provvedimento non avrebbe comportato di fatto alcun danno erariale, consentendo al contempo alla categoria “di concentrarsi sui numerosi e complicati adempimenti che, invece, aiutano l’Erario nell’incassare il gettito fiscale più importante dell’anno”.

La data è giunta: il 770 si paga entro il prossimo giovedì 15 settembre

Il decreto firmato dal Minsitro Padoan concedeva dunque un’ulteriore e definitiva proroga, nel DM si legge che “Considerate le esigenze generali rappresentate dalle categorie professionali in relazione ai numerosi adempimenti fiscali da porre in essere per conto dei contribuenti e dei sostituti d’imposta; Considerato che un differimento di termini per la trasmissione in via telematica dei dati contenuti nella dichiarazione modello 770 non comporta alcun onere erariale, atteso che la funzione di tale dichiarazione è soltanto riepilogativa e, pertanto, alla presentazione della stessa non sono connessi obblighi di versamento delle imposte;

La dichiarazione dei sostituti d’imposta relativa all’anno 2015, dovrà dunque essere  presentata in via telematica, direttamente ovvero tramite i professionisti incaricati entro il prossimo giovedì 15 settembre 2016.

Chi deve presentare il 770 ordinario e chi può usare il semplificato?

Hanno l’obbligo di presentare il modello 770 i sostituti d’imposta che hanno corrisposto:

  • somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte su redditi di capitale
  • compensi per avviamento commerciale
  • contributi a enti pubblici e privati
  • riscatti da contratti di assicurazione sulla vita
  • premi, vincite e altri proventi finanziari, compresi quelli derivanti da partecipazioni a organismi di investimento collettivo in valori mobiliari di diritto estero
  • utili derivanti da partecipazioni in società di capitali, titoli atipici, indennità di esproprio e redditi diversi.

Per sapere se si è obbligati a presentare il 770 ordinario o se si può usufruire di quello semplificato, si consiglia di consultare Cos’è il 770? Chi è obbligato a presentarlo?



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube