Diritto e Fisco | Articoli

Incidente stradale tra coniugi: marito e moglie senza risarcimento

18 Agosto 2016


Incidente stradale tra coniugi: marito e moglie senza risarcimento

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 Agosto 2016



Se, in un incidente stradale, urto contro l’auto di mia moglie e la colpa è mia, l’assicurazione paga?

Le assicurazioni non pagano i danni alle cose per gli incidenti stradali avvenuti tra coniugi, conviventi e parenti. I danni fisici invece vengono sempre risarciti (e ciò perché si presume che nessuno sia tanto avventato da farsi volutamente male – superando anche l’istinto di autoconservazione – solo per ottenere un risarcimento).

Come stabilisce il codice delle associazioni [1], nel caso di incidente stradale determinato dalla colpa del conducente, l’assicurazione non solo non paga i danni all’auto riportati da quest’ultimo, ma anche quelli causati ad altri automobilisti coinvolti nel sinistro se questi ultimi rientrano in una delle seguente categorie:

  • coniugi: pertanto, se l’incidente stradale avviene tra marito e moglie, e la colpa sia nettamente ascrivibile a uno dei due, l’assicurazione non risarcisce ugualmente l’altro;
  • i conviventi stabili: lo stesso principio previsto per le coppie sposate vale anche per i cosiddetti “conviventi more uxorio”;
  • i parenti in linea retta sia ascendente che discendente ossia i figli, i genitori, i nonni. Quindi se il proprietario dell’auto va a finire contro quella del proprio padre o della propria madre, l’assicurazione non risarcisce questi ultimi;
  • i parenti fino al terzo grado (anche se sono conviventi o se possono essere considerati a carico dell’assicurato): è il caso, ad esempio, degli incidenti tra fratelli e le sorelle, zii e nipoti, ecc.
  • se ad essere assicurata è un’auto appartenente a una società, non sono risarciti dall’assicurazione i soci a responsabilità illimitata e i loro parenti, coniugati o discendenti secondo le condizioni di cui si è appena accennato.

Nel caso in cui marito e moglie si trovino nella stessa auto condotta da uno dei due e avviene un incidente stradale per colpa di quest’ultimo, chi dei due è trasportato (ossia il passeggero) viene risarcito dall’assicurazione del proprietario del mezzo, nonostante alla guida vi fosse il proprio coniuge.

note

[1] Art. 129 cod. ass.: “1. Non è considerato terzo e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbligatoria il solo conducente del veicolo responsabile del sinistro. 2. Ferme restando la disposizione di cui all’articolo 122, comma 2, e quella di cui al comma 1 del presente articolo, non sono inoltre considerati terzi e non hanno diritto ai benefici derivanti dai contratti di assicurazione obbligatoria, limitatamente ai danni alle cose: a) i soggetti di cui all’articolo 2054, terzo comma, del codice civile ed all’articolo 91, comma 2, del codice della strada; b) il coniuge non legalmente separato, il convivente more uxorio, gli ascendenti e i discendenti legittimi, naturali o adottivi del soggetto di cui al comma 1 e di quelli di cui alla lettera a), nonchè gli affiliati e gli altri parenti e affini fino al terzo grado di tutti i predetti soggetti, quando convivano con questi o siano a loro carico in quanto l’assicurato provvede abitualmente al loro mantenimento; c) ove l’assicurato sia una società, i soci a responsabilità illimitata e le persone che si trovano con questi in uno dei rapporti indicati alla lettera b).”


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA