Diritto e Fisco | Articoli

Assegno di mantenimento: al marito non può rimanere meno che all’ex

6 giugno 2012


Assegno di mantenimento: al marito non può rimanere meno che all’ex

> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 giugno 2012



Ha diritto alla riduzione dell’assegno di mantenimento il coniuge obbligato a cui resta una somma uguale o inferiore a quella da versare all’ex.

Il coniuge tenuto a corrispondere l’assegno di mantenimento può chiedere al giudice che ne riduca l’importo se a lui – detratti gli alimenti che già eroga ai figli – rimane una minima somma uguale o inferiore a quella da versare all’ex.

È la Corte di Appello di Roma [1] a firmare questo importante precedente, stabilendo un tetto oggettivo alle generose quantificazioni operate dai Tribunali. Dunque, la valutazione del tenore di vita del coniuge beneficiario durante il matrimonio – abituale parametro per stabilire l’importo del mantenimento – non può mai superare detto limite di ragionevolezza.

Nel caso di specie, un uomo ha ottenuto la riduzione delle somme che versava alla moglie da 500 a 300 euro, perché, decurtato quanto già dava alle figlie minori, dello stipendio gli rimanevano solo 500 euro.

Il Tribunale si è attenuto al principio per cui, nello stabilire gli importi dovuti a titolo di mantenimento, bisogna avere a riferimento la situazione economica dei due coniugi al momento della cessazione della convivenza matrimoniale.

 

 

note

[1] C. App. Roma, sent. 23.03.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. VORREI SAPERE COME POSSO ELIMINARE L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO ALLA MIA EX CONIUGE ORMAI DA 15 ANNI CHE LAVORA E PERCEPISCE UNO STIPENDIO DALL USL CON CONTRATTO A VITA, HO UNA FILGIA NEL COMPLESSO PASSO 500 EURO PER ENTRAMBI , PRWECISAMENTE E MIA MOGLIOìE CIRCA 130 EURO IL RESTO è DI MIA FIGLIA MAGGIORENNE, ALLA QUALE PASSEREI VOLENTIRI LA SUA SOMMA.

    1. Il dovere di mantenimento dei figli cessa solo con il raggiungimento dell’indipendenza economica di questi. Quanto invece all’assegno nei confronti dell’ex coniuge, dovrà intraprendere un giudizio in tribunale per la revisione/revoca dell’importo.

  2. al contratio invece: io non percepisco alcun mantenimento per me dal mio ex marito, ma solo 250,00 euro per nostro figlio minore ed in età di scuola dell’obbligo: ora lui, che lavora a tempo pieno, mentre io ho un part time a 6 ore, non vuole più darmi nulla e costringermi a pagare per intero il mutuo della casa (intestato ad entrambi) per metterla a nome mio e basta, l’unico problema è che mio figlio non mangia la casa…in poche parole mi vuole costringere a pagare l’intera rata del mutuo (che per fortuna è di 250,00 euro) togliermi il mantenimento del figlio e sperare che io con 1.000,00 euro al mese di stipendio sia anche soddisfatta. Ah dimenticavo il bambino è affidato a me e ovviamente 5 giorni su 7 vive, mangia, si riscalda, ecc. tutto a mie spese!

  3. sono un padre di un bimbo di 9 anni, sono separato e corrispondo alla madre di mio figlio un assegno di 200 euro al mese per concorso mantenimento figlio. Il minore è affidato ad entrambi, io ho il reddito e lei no, però lei vive con un’altra persona che ha reddito regolare, ha un altro bimbo con quest’ultimo e il bimbo sta sempre con me, rarissimamente va con la madre. le spese di istruzione, ricreative, vestiario, ecc… provvedo solo io, in quanto la mia ex moglie mi ha minacciato dicendo che erano guai se provavo a chiedergli qualche soldo per ns figlio, mentre sull’atto di separazione c’è scritto che entrambi i genitori devono provvedere in eugual misura alle spese primarie del minore. Valutando il caso sopra descritto, come si può agire per togliere questo assegno di 200 euro, visto che a quanto pare serve soltanto per pagare attualmente il suo affitto? p.s.: dando questi soldi all’ex coniuge e provvedendo in todo a mio figlio, ogni mese vado in rosso in banca, quelle 200 euro mi potrebbero veramente servire per campare più dignitosamente….

  4. Salve, vorrei chiedere a voi tutti , mi sto separando da mia moglie, premetto che non ho avuto figli. Ora il tribunale invia preventiva senza che sia finita la separazione, mi costringe a versare un assegno di 200 euro a mia moglie. La mia attuale compagna sta per avere un bambino da me, posso chiedere al giudice a separazione ultimata di annulare l assegno in quanto ho un figlio minore da mantenere? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI