Diritto e Fisco | Articoli

Graduatoria di concorso: annullamento solo per chi fa ricorso

22 agosto 2016


Graduatoria di concorso: annullamento solo per chi fa ricorso

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 agosto 2016



Bandi di gara e concorsi pubblici: in caso di impugnazione della graduatoria, l’annullamento vale solo per chi ha fatto causa alla pubblica amministrazione.

Se, a seguito di un bando di gara per un pubblico concorso, all’esito dei risultati finali e della pubblicazione della graduatoria, qualcuno dei partecipanti fa ricorso perché ritiene di non essere stato adeguatamente valutato, il giudice può annullare la predetta graduatoria. Ma attenzione: l’annullamento vale solo per chi ha presentato ricorso e non per tutti gli altri comunque pregiudicati dalla medesima valutazione dell’amministrazione. È quanto chiarito dal Consiglio di Stato con una recente sentenza [1].

Qualora il Tar – si legge nella sentenza in commento – annulli una graduatoria di un concorso pubblico, accogliendo il ricorso di chi abbia lamentato l’illegittimità dei criteri applicati per la redazione della graduatoria, a parità di punteggio tra i candidati, l’annullamento si deve intendere disposto nei soli confronti di coloro che abbiano proposto il ricorso, poi accolto.

Secondo il Consiglio di Stato, la posizione dei candidati – da un lato, quelli che hanno proposto ricorso contro la graduatoria; dall’altro quelli che non hanno agito – è scindibile e non è strettamente collegata. Pertanto la graduatoria diventa inoppugnabile per coloro che non hanno proposto l’impugnazione della stessa davanti al giudice. Si tratta di una acquiescenza con cui si dimostra, sostanzialmente, di accettare il risultato della gara.

Quindi, chi voglia contestare i criteri di aggiudicazione di un pubblico concorso e che abbia appunto partecipato al bando, farà meglio a farsi assistere da un avvocato e a partecipare all’azione giudiziale davanti al Tar per l’annullamento delle graduatorie, non potendo altrimenti sperare che l’eventuale risultato positivo, ottenuto da chi ha proposto ricorso, possa sortire effetti positivi anche per lui che invece non ha agito in via giudiziale.

note

[1] Cons. St. sent. n. 3005/16 del 6.07.2016.

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buongiorno,
    abbiamo partecipato a un bando pubblico destinato a giovani per assegnazione di locale da destinarsi ad attività culturale/ristorativa. Sono emerse molti dubbi sulla correttezza dell’operato della giuria la quale ha premiato un progetto, a detta di molti, mediocre, di un duo, presentatosi come anche coppia nella vita.
    Molto amareggiati avevamo poi deciso di non fare ricorso, soprattutto perchè non potevamo sostenere la spesa economica e per non inimicarci un ente con il quale avremmo voluto collaborare in futuro.

    Ad oggi però il locale è gestito completamente da un solo membro, il quale, al momento della pubblicazione del bando non era neanche residente in zona (la residenza in zona era requisito del bando, pertanto ha fatto richiesta di residenza qualche giorno dopo la presentazione del bando). L’altra parte del duo invece si trova in un’altra regione per lavoro.

    E’ corretto lasciare la gestione del locale a un solo membro della coppia vincitrice?

    Vorrei sapere se è possibile fare ricorso oltre i termini stabiliti, dato che molti obbiettivi del bando non sono stati soddisfatti, in primis a partire dallo scopo: doveva essere un bando per favorire l’occupazione giovanile del territorio e incrementare l’offerta culturale locale, mentre a beneficiarne è solo un soggetto.

    grazie anticipatamente

    Sara B.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI