Diritto e Fisco | Articoli

Rinnovo patente: la visita medica e i soggetti abilitati

25 agosto 2016


Rinnovo patente: la visita medica e i soggetti abilitati

> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 agosto 2016



Visita medica consentita solo ai medici indicati dal codice della strada e non ai medici di fiducia dell’automobilista.

La visita medico-oculistica necessaria per il rinnovo della patente non può essere eseguita dal medico di base (il medico cioè di famiglia), dai medici ausiliari e di fiducia dell’automobilista e neanche dai medici con contratti a tempo determinato. Gli unici soggetti abilitati alla visita per il rinnovo della patente sono quelli individuati dal codice della strada [1] ossia uno dei seguenti:

  • l’ufficio ASL territorialmente competente,
  • un medico responsabile dei servizi di base del distretto sanitario,
  • un medico appartenente al ruolo dei medici del Ministero della salute,
  • un ispettore medico delle Ferrovie dello Stato,
  • un medico militare in servizio permanente effettivo, o in quiescenza,
  • un medico del ruolo professionale dei sanitari della Polizia di Stato
  • un medico del ruolo sanitario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco,
  • un ispettore medico del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

I soggetti appena elencati sono competenti alla visita medica per il rinnovo della patente anche dopo aver cessato   di appartenere alle amministrazioni e ai corpi ivi indicati, purché abbiano svolto l’attività di accertamento negli ultimi dieci anni o abbiano fatto parte delle commissioni mediche locali costituite dai competenti organi regionali ovvero dalle province autonome di Trento e di Bolzano per almeno cinque anni. In tutti i casi tale accertamento deve essere effettuato nei gabinetti medici.

A fornire questa importante precisazione è stato il Ministero dei Trasporti con una recente circolare [2].

Alcuni uffici della motorizzazione hanno richiesto di chiarire se la normativa consente, ai medici incaricati o fiduciari, di provvedere alle pratiche di rinnovo o rilascio delle patenti di guida. Secondo il Ministero non può riconoscersi capacità certificativa in materia di patenti e licenze di guida a sanitari diversi da quelli individuati dal codice della strada.

Ricordiamo che la patente B va rinnovata ogni 10 anni per chi non ha ancora 50 anni e, in occasione di tale adempimento, va effettuata la visita medica. Dai 51 anni sino a 70 anni il rinnovo va fatto ogni 5 anni, fino a 80 anni ogni 3 anni e, per finire, dagli 81 anni in poi ogni due. A riguardo leggi “Quando va rinnovata la patente”.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI