Diritto e Fisco | Articoli

Voucher, che fine fanno i miei contributi?

19 Settembre 2016 | Autore:
Voucher, che fine fanno i miei contributi?

Contributi previdenziali versati con i buoni lavoro: in quale gestione sono accreditati, utilità ai fini della pensione.

Sono sempre di più, negli ultimi anni, i lavoratori pagati con i voucher, cioè con i buoni lavoro dell’Inps: si tratta di uno strumento tramite il quale si assicura retribuzione, pagamento dei contributi e assicurazione per il lavoro occasionale accessorio, ossia per le prestazioni svolte saltuariamente, senza necessità di assumere il lavoratore.

Ogni buono ha il valore di 10 euro e corrisponde a un’ora di lavoro (ma nulla vieta che il committente possa riconoscere più buoni per ogni ora di lavoro): di questi 10 euro, però, non tutti vanno al lavoratore, ma solo 7,50 euro. La parte restante è così suddivisa:

– 1,30 euro sono riconosciuti come contributi previdenziali all’Inps;

– 75 centesimi sono riconosciuti all’Inail per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;

– 50 centesimi sono riconosciuti all’Inps per la gestione dei voucher.

I contributi previdenziali sono dunque pari al 13% dei compensi maturati con i voucher: ma in quale gestione sono versati e quale utilità hanno ai fini pensionistici?

Voucher: contributi alla Gestione Separata

I contributi versati con i voucher confluiscono nella gestione separata. Si tratta di una sorta di “fondo residuale” dell’Inps, nel quale sono versati i contributi dei lavoratori parasubordinati (co.co.co.), quelli dei liberi professionisti privi di una gestione di categoria e quelli derivanti da altre attività marginali (come i contributi da lavoro autonomo occasionale per coloro che superano i 5000 euro di compensi annui).

I contributi riconosciuti grazie ai voucher, pari, come abbiamo detto, al 13% dei compensi, valgono però ai soli fini della pensione: non sono utili, quindi, per assicurare il lavoratore contro la disoccupazione, né per ottenere altre prestazioni, come gli assegni familiari, né per la malattia o la maternità.

Per quanto riguarda la contribuzione versata, poi, bisogna sottolineare che non è certamente semplice arrivare ad ottenere  la pensione della gestione separata, in quanto gli accrediti, riferendosi per lo più ad attività saltuarie o precarie, sono spesso esigui e non possono essere ricongiunti nelle altre gestioni: inoltre, quand’anche si raggiunge la pensione, il trattamento ha solitamente importi molto bassi, dovuti alla scarsità dei versamenti e al fatto che l’assegno è interamente calcolato col metodo contributivo, fortemente penalizzante.

Tuttavia, non si tratta di soldi integralmente buttati, anche nel caso in cui non si riesca ad ottenere un’autonoma pensione:

– in primo luogo, è possibile totalizzare quanto versato nella gestione separata ai fini della pensione: si possono, cioè, sommare i contributi, anche se non ricongiungere, alla contribuzione presente negli altri fondi, per ottenere il pensionamento; ogni gestione, però, paga la quota di pensione di sua competenza, calcolata, nella maggioranza dei casi, col metodo contributivo;

– è poi possibile effettuare il computo nella gestione separata: grazie al computo, la contribuzione presente negli altri fondi confluisce nella gestione separata, per dar vita a un’unica pensione; anche in questo caso, il problema è costituito dal fatto che tutta la contribuzione, anche quella accreditata negli altri fondi, sia soggetta al calcolo contributivo;

– infine, se non è possibile ottenere una “normale” pensione nemmeno con totalizzazione e computo, è almeno possibile ottenere la pensione supplementare nella gestione separata, nel caso in cui si possieda già una pensione principale in un’altra gestione: è però richiesto che la pensione principale risulti inferiore a 1,5 volte il trattamento minimo, se l’interessato risulta iscritto alla previdenza obbligatoria dopo il 1996.

Ad ogni modo, nonostante queste previsioni, volte a evitare di perdere i contributi versati alla gestione separata, la situazione della contribuzione versata tramite voucher lascia spazio a molte perplessità: ad esempio, considerando che il minimale retributivo per l’accredito di un anno di contributi, in tale gestione, è pari a 15.548 euro e che con i voucher non è possibile ottenere una retribuzione lorda annua superiore a 9.333 euro circa (7.000 euro netti), è chiaro che, anche se si lavora tutto l’anno, non è possibile che sia accreditato un anno di contributi.

Inoltre, la percentuale di contribuzione, pari al 13% complessivo, è molto bassa e non consente certo di ottenere, in futuro, una pensione dignitosa.

In definitiva, per rendere i voucher più equi per i lavoratori sono necessarie delle profonde modifiche in merito all’accredito dei contributi e al funzionamento della gestione separata: ad esempio, prevedendo la ricongiunzione dei contributi in una diversa gestione o delle regole più favorevoli in merito ai requisiti e al calcolo della pensione. Diversamente, questa gestione continuerà ad essere un enorme spreco, proprio per i lavoratori maggiormente bisognosi di tutela.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube