L’esperto | Articoli

Le misure di sicurezza

27 Agosto 2016 | Autore:
Le misure di sicurezza

Definizione e caratteri delle misure si sicurezza, i presupposti per la loro applicazione; misure di sicurezza detentive e patrimoniali.

Le misure di sicurezza sono speciali provvedimenti di carattere educativo o curativo ovvero anche cautelativo, applicabili dall’Autorità giudiziaria, in sostituzione oppure in aggiunta alla pena, nei confronti di un reo ritenuto socialmente pericoloso.

I presupposti per la loro applicazione sono:

– la commissione di un fatto previsto dalla legge come reato o di un quasi-reato (reato

impossibile art. 49 c.p.; istigazione a commettere un reato non accolta o accordo criminoso non eseguito: art. 115 c.p.);

– la pericolosità criminale del reo.

Le misure di sicurezza si differenziano dalla pena in ordine:

  1. alla funzione: la pena ha anche, e soprattutto, una funzione retributiva; la misura di sicurezza ha esclusivamente funzione di emenda del colpevole;
  2. ai destinatari: la pena si applica solo ai soggetti imputabili; la misura di sicurezza si applica anche ai non imputabili;
  3. alla durata: la pena è fissa, avendo una durata determinata, stabilita nella sentenza di condanna; la misura di sicurezza ha una durata indeterminata, dovendo, per sua natura, cessare solo col venir meno dello stato di pericolosità del soggetto (la durata è determinata solo nel minimo, non anche nel massimo).

Tipologia

Le misure di sicurezza si distinguono in:

  1. personali, che limitano la libertà personale del soggetto;
  2. patrimoniali, che incidono soltanto sul patrimonio del soggetto.

Le misure di sicurezza personali possono essere, a loro volta, detentive e non detentive.

Misure di sicurezza detentive sono:

1) l’assegnazione ad una colonia agricola o casa di lavoro (per i delinquenti abituali, professionali o per tendenza);

2) l’assegnazione ad una casa di cura e di custodia (per i condannati a pena diminuita per infermità psichica, intossicazione cronica da alcool o sostanze stupefacenti, e sordomutismo);

3) il ricovero in un ospedale psichiatrico giudiziario (per gli imputati prosciolti per le stesse cause di cui sopra, pur se l’istituto è destinato alla soppressione, dal 31 marzo 2015 ex L. 17-2-2012, n. 9 e successive modificazioni);

4) il riformatorio giudiziario (per i minori non imputabili o condannati a pena diminuita).

Misure di sicurezza non detentive sono:

1) la libertà vigilata, consistente in una serie di limitazioni e di prescrizioni imposte per evitare nuove occasioni di reato (ad esempio, l’obbligo di una stabile attività lavorativa, l’obbligo di non ritirarsi la sera dopo una certa ora, l’obbligo di non accompagnarsi a pregiudicati, ecc.);

2) il divieto di soggiorno, consistente nell’obbligo di non soggiornare in uno o più comuni ovvero in una o più province;

3) il divieto di frequentare osterie e pubblici spacci di bevande alcooliche;

4) la espulsione od allontanamento dello straniero dallo Stato.

Misure di sicurezza patrimoniali sono:

1) la cauzione di buona condotta, consistente nel deposito di una somma di danaro presso la Cassa delle ammende, variabile da € 103 a € 2.065, per la durata massima di 5 anni. Se il soggetto commette un nuovo reato punito con pena detentiva durante tale periodo, la somma viene incamerata; altrimenti, decorso il termine, essa viene restituita;

2) la confisca, consistente nell’espropriazione, a favore dello Stato, fra l’altro, di cose che servirono o furono destinate a commettere il reato, che ne sono il prodotto, il profitto o il prezzo, nonché di beni e strumenti informatici o telematici utilizzati per la commissione di taluni reati informatici (categoria di beni neointrodotta dalla L. 15-2-2012, n. 12).

Numerose ipotesi di confisca sono previste dalle leggi speciali: es. art. 87 T.U. 309/1990 (confisca di stupefacenti); art. 6 L. 152/1975 (confisca di armi).

vice-ispettori-polizia-di-stato



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube