HOME Articoli

Lo sai che? Chi fa sport deve avere un risarcimento maggiore in caso di incidente?

Lo sai che? Pubblicato il 14 giugno 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 14 giugno 2012

Chi fa sport ha diritto ad un risarcimento maggiore se, a causa di un incidente stradale, non può più dedicarsi all’amata attività fisica?  Lo deciderà la Corte Costituzionale.

È un dubbio legittimo quello sollevato dal Tribunale di Tivoli e rivolto alla Corte Costituzionale [1]: chi ha subìto un sinistro stradale e, perciò, non può dedicarsi al proprio sport preferito subisce una “sofferenza” (e quindi un danno biologico) maggiore rispetto invece a chi, non sportivo, non deve rinunciare a nulla? La legge [1], al momento, non fa alcuna differenza e fissa dei limiti massimi predefiniti al risarcimento del danno biologico: limiti uguali per tutti, che non tengono conto delle lesioni a interessi “soggettivi” come la temporanea impossibilità a svolgere attività fisiche, sia pure per hobby.

Dunque, allo stato attuale, se il dilettante sportivo, infortunato per colpa di altri, soffre una particolare frustrazione e nervosismo nel rinunciare alla propria ora di corsa o alla partita con gli amici, non può invocare un risarcimento superiore rispetto invece all’amico sedentario.

La questione si risolve in una evidente disparità di trattamento: una violazione del principio di uguaglianza. Si finisce, infatti, per trattare allo stesso modo due condizioni invece diverse.

Proprio per questo, il giudice ha rinviato la questione alla Corte Costituzionale perché stabilisca se la legge – che discrimina chi subisce una limitazione al proprio hobby – è incostituzionale o meno.

Gli esempi potrebbero moltiplicarsi. Potrebbe essere ancora il caso del violinista in pensione che debba rinunciare ai concerti che tiene per scopi benefici e che, pur non costituendo un lavoro (nel qual caso il danno risarcibile sarebbe rientrato in quello patrimoniale), lo fanno sentire realizzato.

La parola dunque passa ora alla Corte Costituzionale che si dovrà pronunciare nei prossimi mesi.

 

 

note

[1] Trib. Tivoli, Ordinanza di rimessione (giudice dott. Alessio Liberati).

[1] Art. 139 D.lgs. 209/05: c.d. Codice delle Assicurazioni private.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI