Business | Articoli

Precompilata: nel 2017 detrazione per gli occhiali

17 Settembre 2016 | Autore:
Precompilata: nel 2017 detrazione per gli occhiali

Entrano nella precompilata del 2017 altre voci, tra queste farmaci e occhiali, ecco la lista.

Dovrebbero rientrare nella nuova dichiarazione precompilata, quella relativa ai redditi 2016, dunque da presentare entro i termini di scadenza del 2017, numerosi altri articoli rispetto agli attuali. Ecco di seguito quali.

Precompilata 2017, le nuove voci

Le nuove voci della dichiarazione precompilata del 2017 saranno di varia natura. Ecco una lista.

Dal 2017 entreranno nella precompilata, tra le voci da portare in detrazione, anche:

  • le spese veterinarie,
  • gli occhiali da vista,
  • i farmaci da banco,
  • gli omeopatici,
  • i servizi sanitari erogati dalle parafarmacie (ad esempio l’ecocardiogramma e il test per la glicemia).

Il cambiamento è stato indotto dal decreto del MEF dello scorso 1 settembre attraverso cui si dava disposizione che venisse allargata la platea dei soggetti tenuti a comunicare al sistema della tessera sanitaria le informazioni relative alle spese effettuate dai cittadini.

L’agenzia delle entrate ha dato esecuzione al decreto. Ecco allora, per far fronte alle nuove voci inserite in precompilata – quali saranno i soggetti obbligati a trasmettere i dati al sistema sanitario nazionale.

Trasmissione dati sanitari: ecco chi è obbligato

Saranno obbligati alla trasmissione dei dati relativi agli acquisti, al sistema sanitario nazionale, anche:

  • psicologi,
  • infermieri,
  • ostetrici,
  • radiologi,
  • ottici
  • veterinari
  • parafarmacie
  • tutti gli esercenti che prevedono l’attività di distribuzione al pubblico di farmaci;
  • gli ottici che hanno effettuato comunicazione al Ministero della Salute.

I dati trasmessi saranno relativi alle spese sostenute dai cittadini nel 2016.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube