Diritto e Fisco | Articoli

Come attivare una nuova carta Postepay

8 Settembre 2016 | Autore:
Come attivare una nuova carta Postepay

La carta prepagata di Poste italiane è una valida alternativa al denaro contante

La carta Postepay di Poste italiane è una carta nominativa, prepagata e ricaricabile che consente di effettuare operazioni di prelievo e di pagamento. È una valida alternativa alle tradizionali carte di credito e alle diffuse carte del Circuito Bancomat. Le principali differenze sono che la carta Postepay:

  • non è collegata ad un conto corrente;
  • non ha costi di gestione mensili;
  • non permette di andare in rosso, ossia di spendere più di quanto sia stato versato nella carta.

Nel caso si tratti di un minore che abbia trai i dieci e i diciotto anni sarà necessaria la presenza di almeno un genitore. La carta rilasciata, chiamata Postepay junior, è essenzialmente uguale a quella standard, tranne che ha un limite di 1000 euro per il tetto di ricarica contro i 3000 euro di quella tradizionale.

Per attivare una carta Postepay si può scegliere se recarsi all’ufficio postale più vicino oppure procedere online. Si possono attivare un massimo di tre carte a persona.

Attivare Postepay all’ufficio postale

Prima di tutto occorre recarsi all’ufficio postale più vicino.

È necessario munirsi di documento di riconoscimento in corso di validità e di codice fiscale. Sarà inoltre necessario versare dieci euro, cinque per l’attivazione e cinque per la prima ricarica. La carta verrà immediatamente rilasciata e sarà subito attiva.

Per poterne sfruttare appieno le potenzialità sarà poi utile registrarsi sul sito web Postepay che puoi trovare qui. Una volta registrato potrai verificare il saldo e i movimenti, ricaricare la carta, pagare il bollo e i bollettini, accedere a Poste Shop, il negozio online di Poste italiane.

Attivare la Postepay online

In alternativa si potrà procedere all’attivazione direttamente online. In questo caso è prevista, però, una tipologia di carta dedicata chiamata Mypostepay, che differisce da quella tradizionale perché è possibile personalizzarla con un’immagine personale. Del tutto identiche sono le condizioni economiche del servizio.

Per procedere occorre prima registrarsi o autenticarsi al sito di Poste italiane dedicato a Postepay.  Occorre quindi cliccare su richiedi la tua mypostepay e procedere caricando un’immagine che può essere scelta tra le proprie fotografie o tra una galleria di immagini.

È importante, per poter essere utilizzata, che l’immagine abbia dimensioni minime di 100×100 pixel e una dimensione massima di 10 megabyte. Inoltre, il file dovrà avere un’estensione a scelta tra JPEG (ossia quello classico delle foto scattate con lo smartphone), PNG, GIF, BITMAP e TIFF (altri formati utilizzati per le immagini digitali).

Anche in questo caso sarà necessario versare dieci euro, comprensivi di attivazione e prima ricarica. Il pagamento potrà essere effettuato mediante carta di credito, un’altra carta Postepay o conto BancoPosta.

La carta sarà spedita a mezzo servizio postale all’indirizzo indicato. Sarà poi necessario attivarla contattando il numero verde dedicato 800.90.21.22 e seguire le istruzioni.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube