Diritto e Fisco | Editoriale

Lo sfogo via mail non costituisce molestia

16 Ottobre 2011 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 Ottobre 2011



La mail non costituisce molestia in quanto, come una lettera e a differenza della telefonata, non crea un’interazione diretta tra  mittente e destinatario.

“Verba volant, scripta manent” [1], dicevano i latini. Il che, trasposto in termini processuali, potrebbe anche significare che un illecito posto in essere con uno scritto è esso stesso prova della sua esistenza e quindi ottimo elemento per “incastrare” il suo autore. E invece non è sempre così…

Una recentissima sentenza della Cassazione [2], chiamata a pronunciarsi sulla rilevanza penale del comportamento di un tale che, con messaggi di posta elettronica, importunava ripetutamente una donna, ha affermato che tale condotta non rappresenta una molestia [3]. In particolare, Marco, 41enne, aveva inviato per email a Giulia una serie di “apprezzamenti gravemente lesivi della dignità e della integrità personale e professionale del convivente della donna”.

Secondo i giudici della Suprema Corte, infatti, lo sfogo inviato tramite posta elettronica non è punibile come molestia [4] in quanto “l’invio di un messaggio di posta elettronica, esattamente come una lettera spedita tramite il servizio postale, non comporta (a differenza della telefonata) nessuna immediata interazione tra il mittente e il destinatario, né alcuna intrusione diretta del primo nella sfera delle attività del secondo”. Non essendo il fatto previsto dalla legge come reato, la Cassazione ha annullato la sentenza del precedente grado, che aveva invece condannato Marco [5].

L’art. 660 cod. pen. condanna la molestia quando viene realizzata con il telefono. E questo a causa dell’impossibilità, per la vittima, di sottrarsi all’interazione diretta con il “disturbo”.

Nel caso della posta elettronica, invece, la rete telefonica viene sì utilizzata, ma solo come canale per la trasmissione dei dati e non già come strumento di teletrasmissione in modalità sincrona di voci o di suoni. E’ palese infatti che con le email la comunicazione avviene in forma asincrona.

“L’azione del mittente – spiega la Corte – si esaurisce nella memorizzazione di un documento di testo (con la possibilità di allegare immagini, suoni o sequenze audiovisive) in una determinata locazione dalla memoria dell’elaboratore del gestore del servizio accessibile dal destinatario; mentre la comunicazione si perfeziona, se e quando il destinatario, connettendosi a sua volta, all’elaboratore e accedendo al servizio, attivi una sessione di consultazione della propria casella di posta elettronica e proceda alla lettura del messaggio”.

Tale forma di comunicazione è equiparabile alla corrispondenza tradizionale cartacea, inviata, recapitata e depositata nella casetta della posta.

Ed in tali casi, la condotta “non comporta nessuna immediata interazione tra il mittente e il destinatario”. Non vi è quindi nessuna “intrusione diretta”.

Al contrario, vi è molestia quando la condotta è realizzata con l’uso di SMS [6], del citofono o del telefono poiché tali strumenti, sottolineano i giudici, si distinguono per “il carattere invasivo della comunicazione, alla quale il destinatario non può sottrarsi se non disattivando l’apparecchio telefonico, con seguente lesione della propria libertà di comunicazione costituzionalmente garantita”.

note

[1] Le parole volano, le cose scritte invece rimangono.

[2] Cass. pen., Sez. I, sentenza 17 giugno-30 giugno 2010 n. 24510.

[3] Art. 660 cod. pen.: Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a 516 euro.

[4] Ciò tuttavia non esclude che il fatto possa integrare gli estremi di un altro reato.

[5] Il giudice di primo grado aveva condannato Marco, sulla base di una interpretazione estensiva dell’art. 660 c.p., la cui elencazione non si dovrebbe ritenere tassativa, ma andrebbe letta in funzione dell’evolversi dei mezzi tecnologici disponibili, con la conseguenza che l’aumento della “gamma delle opportunità intrusive” deve essere messa in relazione “all’espansione delle condotte in grado di integrare l’elemento strutturale della molestia”. A sostegno della sua tesi il tribunale ha citato la giurisprudenza di legittimità che ha inserito il citofono tra i mezzi di molestia, basandosi sulla convinzione che nella dizione telefono rientrino tutti i mezzi di comunicazione a distanza.

[6]Cass. pen. Sez. III, sent. 1 luglio 2004 n. 28680.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI