Business | Articoli

SPID: dove conviene effettuare la registrazione?

19 Settembre 2016
SPID: dove conviene effettuare la registrazione?

L’identità digitale si può chiedere con Tim, Poste Italiane, Infocert, Sielte. Ecco i servizi offerti e un confronto dei costi.

Come è noto lo scorso 15 marzo, è partito il cosiddetto “PIN unico”, la SPID. Le credenziali vengono assegnate da uno dei provider accreditati, al momento TIM, Poste Italiane e Infocert, Sielte.

Oggi la SPID serve anche per registrarsi a 18App.italia.it, il sito attraverso il quale viene gestito il bonus maggiorenni.

Vediamo allora con cosa conviene registrarsi tra i provider disponibili.

Come ottenere la SPID

Per ottenere le credenziali SPID è possibile:

  • identificandosi di persona con un normale documento di identità cartaceo;
  • identificarsi mediante Carta Nazionale dei Servizi, o Firma digitale, o Carta di Identità Elettronica;
  • tramite postino di Poste Italiane,  previo pagamento di un piccolo contributo (vedi in basso);
  • utilizzando strumenti di identificazione come, APP PosteID, lettore BancoPostaLibretto Smart,  numero di telefono certificato su carta Postepay: questa opportunità come è evidente è valida solo per i clienti di Poste Italiane;
  • Un’ultimo sistema è l’identificazione a mezzo webcam: questa opportunità è offerta da Infocert, ma prevede un costo di 15 euro.

SPID: disponibile in 3 livelli di sicurezza

I servizi SPID sono fruibili con tre livelli differenti di Password, con tutele di sicurezza differenti:

  • Primo livello di sicurezza SPID: consiste nell’utilizzo di username e password abbinate, è il livello più seplice e ha un grado di sicurezza (per quanto elevato) più basso degli altri;
  • Secondo livello di sicurezza SPID: permette di aggiungere un’OTP ovvero la One Time Password, simile a quella che viene utilizzata dai sistemi bancari. Costituisce un livello di sicurezza sempre alto ma meno elevato del successivo;
  • Terzo livello di sicurezza SPID: consiste nell’integrazione di nome utente e password con un supporto fisico quale smart card o SIM mobile ed è il livello di sicurezza massima.

SPID con TIM, come fare?

Creare l’identità digitale per accedere con pin unico ai servizi online della PA è molto semplice con Tim. Per richiedere la Tim id la procedura è la seguente:

  • andare su www.nuvolastore.it;
  • scegliere la Tim id e selezionare l’opzione “per il cittadino” o “per l’azienda”;
  • cliccare su “Acquista” e concluere l’acquisto.

Sono necessari per la registrazione tessera sanitaria, firma digitale o carta d’identità digitale.

Il servizio è gratuito sino al 31 dicembre 2016 per i privati, mentre per i clienti business il costo è 36 euro all’anno.

È possibile attivare spia con Tim anche presso uno dei negozi Tim abilitati o chiamando il numero verde Tim 800 405 800, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.30.

SPID con Sielte: come fare

La SIELTE (Società Impianti Elettrici e Telefonici) è l’ultimo provider ad essersi aggiunto al catalogo di gestori di servizi SPID.

Come per gli altri contratti la validità del sistema è di 2 anni e può essere rinnovato alla scadenza. Anche in questo caso il servizio è gratuito per tutti gli utenti che attivano l’account entro il 31 dicembre 2016.

Dal sito SIELTE si deve compilare il modulo apposito, avendo a disposizione documento d’identità e tessera sanitaria scansionati o fotografati (fronte e retro), oltre che naturalmente una mail valida. Verificata la correttezza dei dati inseriti, si porterà a termine la procedura di identificazione e lo SPID sarà attivato.

SIELTE offre anche un servizio di identificazione tramite webcam. Assistiti da un operatore sarà possibile attivare il servizio direttamente dalla propria postazione a casa o a lavoro. In alternativa sarà necessario recarsi di persona presso un ufficio Sielte e terminare la procedura allo sportello.

La procedura di rilascio termina entro le 24 ore. Ecco il numero verde SIELTE da contattare per informazioni: 800.11.33.22, attivo dal lunedì al venerdì 7.30-19.30 e il sabato 8.30-18.30.

SPID con InfoCert: come fare

Già gestore di certificati di firma digitale, PEC e fatturazione PA, InfoCert è stata tra le prime aziende ad entrare tra i provider SPID. Collegandosi al sito Infocert dedicato e compilando il form con tutte le informazioni richieste si otterrà la SPID in pochi minuti. Si dovrà essere muniti di documento di identità.

Anche l’InfoCert ID, la SPID di Infocert è gratuita per tutti coloro che effettueranno la richiesta entro il 31 dicembre 2016 e tali condizioni valgono per i primi 2 anni.

Anche con Infocert è possibile scegliere la modalità di riconoscimento via webcam il servizio di Spid con InfoCert via webcam costa 9,90€ invece di 19,90€ per chi ha 18 anni, ed è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00.

Resta attiva naturalmente la possibilità di recarsi di persona presso l’ufficio InfoCert più vicino. Per ogni info e dettaglio contattare il call center InfoCert al numero 199.500.130, dal lunedì al venerdì 8.30-19.00.

SPID con Poste Italiane: come fare?

SPID con Poste Italiane può essere effettuato attraverso:

  • Bancoposta: per chi ha uno strumento di identificazione online
  • Ufficio postale: per chi non ha uno strumento di identificazione online

Anche il PosteID può essere utilizzato anche per completare l’abilitazione ai servizi SPID.

Chi volesse effettuare la registrazione presso gli uffici postali, deve tenere presente che è necessario inserire i dati anagrafici online sul form dedicato. L’intero processo si conclude in circa 15 minuti.

PosteID è gratuito per i 24 mesi di contratto per coloro che aderiranno al servizio entro il 31 dicembre 2016.

Da ottobre si può richiedere il servizio a domicilio con cui, al costo di 14,50 €, il postino consegna la pratica di avvenuta registrazione a domicilio entro 6 giorni dalla richiesta.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube