Diritto e Fisco | Articoli

Tamponamento a catena: chi paga?

13 settembre 2016


Tamponamento a catena: chi paga?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 settembre 2016



La legge distingue l’ipotesi di tamponamento a catena tra auto in movimento e tamponamento a catena tra auto ferme: nel primo caso, l’assicurazione paga a ciascuna solo il 50% dei danni.

Non tutti sono al corrente del fatto che, anche in caso di tamponamenti a catena, non esiste un’unica regola per definire le responsabilità e, quindi, il pagamento da parte dell’assicurazione. Esistono, in particolare, due tipi di ipotesi:

  • tamponamento a catena di auto in movimento: si pensi al caso in cui l’auto A, circola su una strada davanti all’auto B, C, D ed E. D’un tratto A frena bruscamente e, di conseguenza, B va a sbattere ad A, C va a sbattere dietro a B e D va a sbattere dietro ad E. È, ad esempio, il caso in cui tutte le auto stanno viaggiando su un’autostrada senza rispettare le distanze di sicurezza, per cui l’arresto improvviso di uno dei mezzi fa sì che tutti gli altri, anch’essi in movimento, si tamponino a vicenda;
  • tamponamento a catena di auto ferme; si pensi all’ipotesi del casello dove A, B e C sono incolonnate. Ad un certo punto, sopraggiunge l’auto D che, non accorgendosi in tempo della fine, finisce addosso all’auto C (prima ferma), la quale, per il colpo, va a finire contro l’antistante auto B (anch’essa precedentemente ferma), che a sua volta tampona A, in testa alla coda e ferma anch’essa.

Dicevamo, la responsabilità in questi casi viene disciplinata in modo diverso a seconda del tipo di tamponamento verificatosi, ed a ricordarlo è una recente sentenza del Giudice di Pace di Milano [1], il quale richiama un orientamento ormai costante della Cassazione [2]. In particolare, nel caso di:

  • tamponamento a catena di auto in movimento, la responsabilità si presume essere di tutti gli automobilisti coinvolti nell’incidente, in pari misura. In pratica, tutti gli automobilisti tamponati e che, a loro volta, hanno tamponato otterranno solo il 50% del risarcimento da parte dell’assicurazione. E questo perché si presume che essi non abbiano rispettato le distanze di sicurezza. Per ottenere il 100% del risarcimento, l’automobilista coinvolto nel tamponamento dovrà dimostrare – cosa piuttosto difficile da fare – di aver rispettato la distanza di sicurezza rispetto a quello precedente;
  • tamponamento a catena di auto ferme, la responsabilità è solo dell’ultima auto, quella che ha tamponato la penultima e che, così facendo, ha dato origine a tutta la serie di successivi tamponamenti. Quindi sarà l’assicurazione di quest’ultimo a risarcire tutte le auto che, dopo essere state tamponate, hanno a loro volta tamponato il veicolo antistante.

A chi va inoltrata la richiesta di risarcimento

Nel caso di tamponamento a catena di auto ferme vale la regola dell’indennizzo diretto, per cui ciascun automobilista danneggiato dovrà presentare la richiesta di risarcimento alla propria assicurazione. Invece nel caso di tamponamento a catena di auto in circolazione non opera più l’indennizzo diretto; pertanto la richiesta di risarcimento va presentata all’assicurazione dell’auto tamponante (ossia a quella dell’auto che sta dietro e che va a sbattere contro quella davanti).

Invece, se in una delle auto vi è un passeggero (cosiddetto “terzo trasportato”), questi dovrà inoltrare la richiesta di indennizzo all’assicurazione dell’auto su cui si trovava in quel momento.

Quali sono le distanze di sicurezza?

Ricordiamo quali sono le distanze di sicurezza previste dal codice della strada [3]. La legge prevede che la distanza di sicurezza tra due veicoli debba sempre essere parametrata alla velocità, alla prontezza dei riflessi del conducente, alle condizioni del traffico, a quelle planoaltimetriche della strada, alle condizioni atmosferiche, al tipo e allo stato di efficienza del veicolo, all’entità del carico, nonché ad ogni altra circostanza influente.

La distanza di sicurezza deve essere almeno uguale allo spazio percorso durante il tempo che passa tra la prima percezione di un pericolo e l’inizio della frenata.

note

[1] G.d.P. Milano, sent. n. 4856/16 del 14.05.2016.

[2] Cass. sent. n. 4021/2013.

[3] Art. 149 cod. str.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Ero appena entrato con la mia fiat croma sulla tangenziale, dopo aver percorso circa due km mi sono spostato sulla corsia di sorpasso, all’inizio di una galleria ho visto una fila di auto ferme. Tenendo una velocita’ moderata sono riuscito agevolmente a fermare l’auto. Dopo circa dieci secondi due auto che mi seguivano mi sono piombati addosso tamponando il lato sinistro della croma spostandola fino a farmi a sua volta tamponare leggermente l’auto ferma davanti.
    Il conduttore dell’auto che mi ha tamponato ha riportato qualche ferita; la polizia ha fatto tutti i rilievi del caso. La mia assicurazione ha provveduto al trasporto della mia auto dal carrozziere.
    Il preventivo per la riparazione e’ di 6.000 € . La mia croma e’ stata immatricolata nel 2008,
    ha percorso 50.000 , tenuta in perfette condizioni.
    Mi e’ stato riferito che che l’assicurazione potrebbe non risarcire il danno effettivo ma solo il valore commerciale secondo quattroruote,che poi sarebbe molto meno rispetto al costo della riparazione.
    Quindi subirei oltre al danno anche la beffa. La mia domanda: In caso che questa ipotesi possa essere come mi e’ sato riferito esiste una legge cui l’assicuratore possa avvalersi pagando non la riparazione ma solo il valore commerciale dell’auto? Vi ringrazio molto e aspetto una Vs. cortese risposta

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI