Diritto e Fisco | Articoli

CAF: quanto si paga per la dichiarazione dei redditi precompilata?

14 Settembre 2016 | Autore:
CAF: quanto si paga per la dichiarazione dei redditi precompilata?

Compensi dei CAF e dei professionisti abilitati (commercialisti e revisori contabili) per l’assistenza fiscale nell’elaborazione e invio della dichiarazione dei redditi precompilata.

 

I compensi dei centri di assistenza fiscale (CAF) e dei professionisti abilitati per l’invio della dichiarazione dei redditi precompilata (modello 730 e Unico) sono stabiliti con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Vediamo i nuovi importi fissati per il 2016 e 2017 [1].

I compensi per l’assistenza fiscale si adeguano alla dichiarazione precompilata e variano in base agli adempimenti posti a carico di CAF e professionisti (elaborazione e/o invio telematico della dichiarazione precompilata con o senza variazione dei dati).
Più precisamente le tariffe variano a seconda che siano modificati o meno i dati della precompilata e in base all’anno di riferimento:

1) Se il modello di dichiarazione precompilato viene trasmesso senza variazione dei dati (cioè il CAF o professionista si limita all’invio senza modifica dei dati), i compensi sono pari a 15,40 euro per il 2016 e 16,90 euro a partire dal 2017.

Non si considerano modifiche quelle apportate ai dati anagrafici del contribuente e ai dati identificativi del sostituto d’imposta.

Gli stessi compensi sono riconosciuti quando il contribuente rifiuta di fornire la delega per l’accesso alla dichiarazione precompilata.

2) Se il CAF o il professionista deve procedere, prima dell’invio, alla variazione dei dati del modello precompliato, i compensi sono pari a: 16,60 euro per 2016 e 17,70 euro a partire dal 2017.

3) Se l’elaborazione e la trasmissione dei modelli 730 avviene in forma congiunta i compensi raddoppiano, diventando rispettivamente pari a 33,20 euro e 35,40 euro.

4) Se le modifiche comportano integrazioni anche in aggiunta a variazioni dei dati della precompilata, per ciascuna dichiarazione il compenso è fissato in 18,30 euro, a partire dal 2016. Gli stessi compensi spettano anche per l’elaborazione e trasmissione dei modelli in caso di mancata predisposizione della precompilata da parte dell’Agenzia delle Entrate.

I compensi per l’assitenza fiscale sono ridotti del 25 per cento in caso di elaborazione e trasmissione dei modelli dei contribuenti esonerati dall’obbligo e che non devono far valere oneri, detrazioni o altri benefici.

Qualora le somme spettanti a CAF e professionisti in base alle nuove tariffe risultino complessivamente superiori alle risorse stanziate (316.897.790 euro a decorrere dal 2016), i singoli compensi saranno rideterminati con decreto ministeriale per non oltrepassare il tetto di spesa autorizzato.


note

[1] Decreto MEF del 1 settembre 2016, pubblicato in GU Serie Generale n. 214 del 13.9.2016.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube