Business | Articoli

Lavoratori precoci: in pensione anticipata

21 Settembre 2016 | Autore:
Lavoratori precoci: in pensione anticipata

Oggi era previsto il nuovo tavolo coi sindacati, spostato al 27. Ecco come si profilano i bonus sulle pensioni minime.

Se hai lavorato sin da giovane, se fai parte cioè di quella categoria di lavoratori “precoci” che pagano contributi da prima di diventare maggiorenni, allora il provvedimento per la pensione anticipata potrebbe riguardarti direttamente. Ecco perchè.

Bonus pensioni minime: quali novità?

Il tesoretto a cui si potrà metter mano per effettuare un incremento per le pensioni minime attraverso varie tipologie di “bonus” è di un miliardo. Questa cifra verrà suddivisa prevedibilmente secondo questi parametri:

  • 260 milioni serviranno per portare la “no tax area” dei pensionati a quella dei lavoratori dipendenti;
  • 700 milioni saranno destinati al pagamento delle 14esime. Di questi 700milioni, in particolare:
    • il 30% servirà per aumentare l’assegno extra già percepito in luglio da 2,1 milioni di pensionati che arrivano a 750 euro (1,5 volte il minimo)
    • il restante 70% andrà a coprire l’estensione dell’assegno a circa 1,2 milioni di pensionati che ricevono un trattamento standard compreso tra i 750 e i mille euro (due volte il minimo).

Per i lavoratori precoci si prevede un meccanismo premiale. Ecco quale.

Lavoratori precoci, bonus contributivo per pensione anticipata

Per i lavoratori precoci restano attive diverse opzioni che verranno vagliate nel tavolo governo-sindacati.

Secondo fonti del Sole 24 Ore, la più accreditata sarebbe quella di un bonus contributivo ai lavoratori che hanno iniziato a versare contributi prima dei 16 anni. Non è ancora chiaro nel dettaglio quanti siano i mesi di contributi minimizza dover versare perchè il bonus sia riconosciuto, ma gli effetti sarebbero certamente interessanti: il bonus contributivo permetterebbe difatti di raggiungere la pensione con un anno d’anticipo rispetto agli altri lavoratori, cioè con 41 anni e 10 mesi di contribuzione al 2017.

Perché si possa mettere in atto questo percorso serve una dotazione di 600 milioni di euro per il primo anno. Una cifra per la quale non sarà certo semplice trovare copertura, ma l’intesa coi sindacati sembra essere a portata di mano.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube