Business | Articoli

Pensioni usuranti: requisiti facilitati

21 Settembre 2016
Pensioni usuranti: requisiti facilitati

Attese per oggi notizie sulle pensioni, ma l’incontro slitta al 27. Aggiornamenti anche sul tema delle pensioni usuranti. Ecco cosa si prospetta nel  tavolo governo sindacati.

Il tema delle pensioni è stato sviscerato in questi mesi e ha sviluppato ipotesi di oggi tipo, sull’uscita anticipata, sulla possibilità di ritiro a fronte di ipotetici mutui a carico del lavoratore, sull’uscita anticipata dei lavoratori precoci (leggi: Lavoratori precoci: in pensione anticipata).

Altro tema particolarmente caldo, del quale abbiamo detto nelle nostre pagine già qualche tempo fa, è quello della pensione per i lavori usuranti (leggi: La pensione per i lavori usuranti: cos’è e come si calcola). Ecco cosa ci si attende dal tavolo governo sindacati che si svolgerà  prevedibilmente il prossimo 27 settembre.

Lavori usuranti: prepensionamento con regole semplificate

Si potrebbe prospettare una semplificazione delle regole per l’anticipo dell’uscita dal lavoro di chi è o è stato impegnato in attività usuranti.

Secondo alcune indiscrezioni suggerite al Sole 24 Ore, potrebbe essere difatti eliminato l’obbligo che prevede che anche l’ultimo anno di lavoro prima della pensione sia “usurante”.

Si starebbe inoltre valutando il passaggio dal regime attuale, che prevede un impegno di 7 anni su 10 in attività faticose, perchè si ottenga il diritto al prepensionamento, a una partizione della vita lavorativa in due periodi minimi dei quali il 50% considerato usurante e il 50% non usurante (senza l’obbligo che per l’ultima metà considerata il lavoro svolto sia “faticoso”).

Quali sono i lavori considerati usuranti?

Per conoscere tutti i lavori considerati usuranti ti consigliamo il nostro approfondimento Quali sono i lavori usuranti che beneficiano di prepensionamento?.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube