HOME Articoli

Lo sai che? I genitori devono pagare le multe del figlio?

Lo sai che? Pubblicato il 15 settembre 2016

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 15 settembre 2016

Le multe non pagate prese dal figlio maggiorenne convivente devono essere pagate obbligatoriamente dai genitori?

Nel momento in cui il figlio raggiunge i 18 anni, tutti i debiti da questi contratti devono essere pagati da lui e non dai suoi genitori, anche se convivente ancora con questi ultimi e facente parte del nucleo familiare del padre. La maggiore età infatti comporta la piena responsabilità di tutte le obbligazioni assunte a seguito della firma di un contratto (ad esempio, l’acquisto di un abbonamento alla pay-tv), o nascenti da fatto illecito (ad esempio il danneggiamento di un oggetto altrui, un incidente stradale, una scazzottata con conseguenti lesioni provocate a un coetaneo), o da contravvenzioni per violazioni del codice stradale (le multe stradali), o da debiti fiscali con Equitalia (si pensi alle famose cartelle di pagamento) o con l’Agenzia delle Entrate (ad esempio, a seguito di un accertamento fiscale).

Le multe del maggiorenne, insomma, vengono pagate solo dal responsabile e non dai suoi genitori. Come infatti chiarito dalla Cassazione, solo nel caso in cui il trasgressore del codice della strada ha meno di 18 anni, sono i suoi genitori a dover pagare le contravvenzioni (leggi “Multe al minorenne: chi le paga?”).

Diverso il discorso per i debiti del minorenne. Di tanto abbiamo parlato nell’articolo “Quando i genitori rispondono dei debiti del figlio”. In sintesi:

  • per i contratti conclusi dal minorenne vi è la possibilità, per i genitori che non vogliono pagare, di andare dal giudice e far annullare il contratto. Lo devono fare entro 5 anni. Diversamente, se il minorenne non ha soldi per pagare, del debito rispondono i genitori;
  • per i fatti illeciti vale la stessa regola prevista per i contratti: vi è una responsabilità solidale tra genitori e figli (nel senso che il creditore può agire indifferentemente nei confronti dell’uno o dell’altro, a seconda di chi sia più solvibile);
  • per le multe abbiamo già detto che il pagamento viene chiesto ai genitori;
  • le eventuali sanzioni penali vengono imputate a carico al soggetto responsabile se ritenuto capace di intendere e volere. I genitori non possono essere costretti a pagare una multa se il figlio non è imputabile penalmente. Quanto invece al risarcimento del danno chiesto dalla vittima, valgono le regole viste per i fatti illeciti.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI