Diritto e Fisco | Articoli

Multa al semaforo rosso con telecamera: come difendersi

19 Novembre 2018


Multa al semaforo rosso con telecamera: come difendersi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 Novembre 2018



La contravvenzione deve essere contestata immediatamente: la polizia deve fermare l’auto e elevare il verbale nell’immediatezza. Le multe subìte per prosecuzione della marcia con semaforo rosso possono essere impugnate.

Il mancato arresto del veicolo di fronte al segnale rosso del semaforo comporta una sanzione pecuniaria e la decurtazione dei punti sulla patente. Il che tradotto in termini pratici significa: chi passa col rosso viene multato. A questo tipo di punizione è diventato difficile sfuggire, giacché, al fine di rilevare le infrazioni al codice della strada, si fa attualmente ricorso a sofisticati dispositivi di controllo elettronico. Spesso, sopratutto nelle zone a traffico più intenso e negli incroci più ampi e con visibilità ridotta, vengono installate delle piccole telecamere ai semafori. Ti sarà senz’altro capitato di notarle e di chiederti come difendersi in caso di multa al semaforo rosso con telecamera? Si tratta del sistema noto come “Photo Red” (o T-Red), che deve essere omologato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il sistema si attiva soltanto a semaforo rosso. Nel momento in cui oltrepassi con il tuo veicolo la linea di arresto, la tua marcia illegittima viene rilevata da appositi sensori posizionati nell’asfalto. Entrano, così, in funzione due  telecamere, ciascuna delle quali ha una funzione precisa. In particolare, una, a colori, fotografa il semaforo per rilevarne lo stato e l’altra, a infrarossi, fotografa la targa del tuo veicolo. Diversamente da quanto avviene con riguardo ai sistemi di autovelox e tutor, la cui presenza, oltre a dover essere perfettamente visibile, deve essere obbligatoriamente presegnalata, non è necessario che il sistema T-Red sia preannunciato all’automobilista da appositi cartelli. Dunque, l’accertamento della violazione del codice della strada, con sistema T-Red, resta valido anche in assenza del segnale di preavviso. La Corte di Cassazione ha tuttavia chiarito che, ai fini della validità della multa, è necessaria la contestuale presenza di agenti, in prossimità del luogo della rilevazione, i quali procedano immediatamente alla contestazione dell’infrazione e all’elevazione della contravvenzione. In altri termini, nelle vicinanze del punto in cui viene rilevata l’infrazione che hai commesso, deve esservi un agente, il quale, blocchi il tuo veicolo e, dopo averti consegnato la multa, ti dia la possibilità di difenderti. Devi tenere presente, però, che se l’obbligo di contestazione immediata vale nella generalità dei casi in cui si pongono esigenze di rallentamento del traffico (ad esempio ove vi siano strisce pedonali), non opera, invece, quando oltrepassi un semaforo rosso inteso a regolare la viabilità ad un incrocio. In questo caso, sul tuo diritto di difesa prevale l’esigenza di tutela del traffico. Tuttavia, come osservato dalla Corte di Cassazione, affinché la multa sia considerta valida anche in assenza di agenti, è necessario che sul posto dell’accertamento siano installati dispositivi omologati e perfettamente funzionanti. Con questo articolo ti spiegheremo come difendersi in caso di multa al semaforo rosso con telecamera.

Passaggio con semaforo rosso: sanzioni

Come tutte le infrazioni al codice della strada, anche il passaggio con il semaforo rossointegra la violazione delle norme di comportamento che sei tenuto ad osservare quando sei alla guida del tuo veicolo. Di fronte ad un semaforo rosso devi fermare il tuo vicolo prima della cosiddetta linea di arresto (la linea di demarcazione orizzontale tracciata sull’asfalto). Ove la linea di arresto sia assente o poco visibile, devi fermare comunque il veicolo ed evitare di impegnare l’incrocio o le strisce pedonali, nonché di oltrepassare il segnale [1].

Probabilmente ti sarà capitato di oltrepassare il semaforo rosso per distrazione, per fretta, perché in quell’orario la strada era completamente deserta. Ti sarai chiesto a quali conseguenze espone un simile comportamento. Il codice della strada [2] prevede espressamente che proseguire la marcia, senza tener conto delle segnalazioni semaforiche che la vietano, comporta l’irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria che va da €162,00 ad €646,00. L’importo della multa può anche aumentare, a seconda delle circostanze in cui viene commessa l’infrazione. In particolare, la legge prevede che nel caso in cui commetti la violazione nella fascia oraria compresa tra le ore 22:00 e le ore 7:00, l’importo della sanzione aumenta fino ad un terzo [3].

Quindi, nell’ipotesi in cui dovessi oltrepassare il semaforo rosso alle ore 2:00, la multa che subiresti non sarebbe pari ad €162,00, bensì ad €216,00 (ovvero 162,00+54,00).

Naturalmente, nella determinazione della somma da pagare a titolo di multa si tiene conto di vari fattori, tra questi, la velocità alla quale il veicolo procedeva al momento della violazione. Ne consegue che, ove tu sia passtato col semaforo rosso nelle ore notturne, per di più ad una velocità superiore di 10 km/h rispetto a quella consentita in quel tratto di strada, l’importo della multa potrà essere anche più elevato della soglia massima prevista (ad esempio potrebbe essere pari ad €692,00).

Devi tener presente, inoltre, che alla sanzione pecuniaria si affianca la decurtazione di 6 punti sulla patente, che possono essere 12 ove tu sia un neopatentato. E’ inoltre prevista la sospensione della patente, da uno a tre mesi, nel caso in cui, in un periodo di due anni, commetti due volte la stessa infrazione [4].

Ove tu riesca a pagare la multa subìta entro 5 giorni lavorativi, decorrenti dalla contestazione immediata o dalla notifica del verbale a casa, potrai usufruire di una riduzione pari al 30% della somma da pagare [5]. Quindi, se la multa che ti è stata comminata per passaggio con il rosso è pari ad €190,00, ove tu riesca a pagarla entro il termine di 5 giorni, l’importo da versare si riduce ad €133,00 (ovvero, 190,00-57,00).

Nell’ipotesi in cui tu riesca ad usufruire dello sconto e, contemporaneamente, la sanzione debba essere aumentata di un terzo, l’incremento verrà calcolato sull’importo da versare, al netto dello sconto del 30%. Per intenderci, se la multa da pagare è pari ad €190,00, e deve essere aumentata perché hai commesso l’infrazione di notte, è su tale somma che si calcola l’aumento di un terzo.

Quindi, l’importo della multa, in seguito all’aumento, sarà pari ad €253,00 (ovvero, 190,00+63,00). Sulla somma così ottenuta, si potrà calcolare lo sconto concesso per pagamento della sanzione nel termine di 5 giorni. La multa, in seguito allo sconto del 30%, sarà dunque pari ad €177,10 (ovvero, 253,00-75,90).

Multa al semaforo rosso: si può contestare?

Attraverso le nuove tecnologie è diventato semplice rilevare le infrazioni al codice della strada. Naturalmente questo comporta una maggiore difficoltà nell’opporsi alle multe subìte, specie da quando è stato introdotto l’uso dei cosiddetti semafori intelligenti e dei semafori con il conto alla rovescia (o countdown). Ad ogni modo, il codice della strada riconosce espressamente al destinatario della multa il diritto di impugnarla, ove la ritenga iniqua o non dovuta [6]. Ne deriva che, se ti è stata comminata una multa per passaggio con semaforo rosso, puoi sicuramente opporti, ma devi tenere presente che potrebbe risultare arduo dimostrare i motivi per i quali ritieni che la multa sia ingiusta.

Multa al semaforo rosso: contestazione immediata

Secondo la Corte di Cassazione [7], il verbale di multa per passaggio con semaforo rossonon può essere considerato valido se la violazione non ti è stata contestata immediatamente, dagli agenti, sul posto in cui l’hai commessa. Questo potrebbe costituire un motivo per opporti al verbale stesso. A tal riguardo, la Corte ha chiarito che la necessità di contestazione immediata della trasgressione è richiesta per consentirti di esercitare il tuo diritto di difesa. Tuttavia, devi tener presente che sono previste delle circostanze eccezionali, nelle quali gli agenti possono evitare la contestazione immediata. In tali casi, però, è necessaria l’indicazione, nel verbale, delle ragioni per le quali sia stato per essi impossibile bloccare immediatamente il tuo veicolo. L’omessa indicazione di tali motivi, costituisce una ragione per opporti alla sanzione, giacché rende illegittimi sia il verbale che la multa [8].

Sulla base di quanto previsto dalla legge [9], la Corte di Cassazione ha affermato che gli agenti non hanno l’obbligo di contestare immediatamente l’infrazione nel caso in cui attraversi un incrocio con semaforo rosso o nel caso in cui la violazione venga rilevata con dispositivi o apparecchiature gestiti direttamente dagli organi della polizia stradale [10]. In questo secondo caso, si richiede, inoltre, che i dispositivi elettronici installati siano stati omologati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In queste due circostanze eccezionali, ove tu voglia opporti alla multa subìta, dovrai riuscire a dimostrare che la videocamera non era correttamente funzionante, nonché l’eventuale mancanza dei requisiti di omologazione [11].

Esistono comunque isolate sentenze, emanate dai giudici di pace, più favorevoli al conducente che voglia proporre ricorso avverso la multa irrogata per attraversamento di incrocio con semaforo rosso [12].

Semaforo rosso: conto alla rovescia

Se, fino a qualche tempo fa, non era infrequente che costituisse motivo di opposizione alle multe il ridottissimo intervallo di tempo intercorrente tra luce gialla e luce rossa del semaforo, oggi può risultare complicato utilizzare questo motivo per impugnare la sanzione. Per migliorare la sicurezza stradale, in aggiunta al sistema T-Red, è stata infatti prevista la possibilità di dotare le lanterne semaforiche di dispositivi con il conto alla rovescia, cosiddetti “countdown” [13], già in uso in alcune città. La funzione di tali congegni elettronici è quella di consentirti di visualizzare il tempo rimanente nel passaggio da una luce semaforica all’altra. Nel momento in cui si accende uno dei tre segnali luminosi, parte un conto alla rovescia, in secondi, che si arresta con il numero 1, ossia quando manca un secondo all’accensione del colore successivo. In questo modo saprai con esattezza quando scatterà il rosso e potrai controllare con maggiore attenzione la marcia del tuo veicolo, sì da evitare di subire una contravvenzione o di causare un sinistro per via di una condotta circolatoria trasgressiva. Il decreto del Ministero dei Trasporti, con il quale è stata prevista l’installazione dei dispositivi countdown, stabilisce le caratteristiche per l’omologazione ed il funzionamento degli stessi. In particolare:

  • devono essere installati sulla lanterna semaforica, in alto, ossia al di sopra dei dispositivi luminosi principali, fino ad un’altezza massima di 4 metri dal piano viario;
  • forma, dimensione e fissaggio dovranno essere analoghi a quelli del semaforo cui vengono associati;
  • il colore della luce del dispositivo countdown deve corrispondere a quello delle luci principali della lanterna semaforica (quindi, i numeri di indicazione del tempo rimanente saranno verdi, gialli o rossi, a seconda del segnale luminoso di cui preavvisano l’accensione);
  • le luci countdown devono essere perfettamente visibili;
  • la luminosità del dispositivo countdown deve essere identica a quella dei dispositivi semaforici;
  • devono possedere determinate caratteristiche fisiche di omologazione.

Nell’ipotesi in cui tu subisca una contravvenzione per aver proseguito la marcia vietata da un semaforo integrato con countdown, potrai impugnare la stessa ove i dispositivi non siano funzionanti o difettino dei requisiti di installazione e di omologazione richiesti dalla legge.

Sistema T-Red: dopo quanti secondi scatta la foto?

Posto che il sistema Photored si attiva unicamente quando scatta il rosso, una ragione per impugnare la multa che ti è stata irrogata per passaggio con semaforo rosso potrebbe essere il mancato rispetto dei tempi entro cui la telecamera deve attivarsi. Secondo una interessante sentenza del Tribunale di Urbino [14], nel momento in cui la polizia usa l’apparecchiatura Vistared, questa deve essere predisposta in modo tale da entrare in funzione dopo un certo tempo da quando scatta il segnale rosso. Questo tempo non deve essere inferiore a 500 millesimi di secondo. Ne consegue che, ove la telecamera si attivi dopo 10 millesimi di secondo da quando è scattato il rosso, la multa sarà illegittima e il giudice sarà tenuto ad annullare il verbale di contestazione. Devi, inoltre, tener presente che il sistema T-Red si attiva soltanto quando scatta il semaforo rosso.

Semaforo con telecamere: non è necessario il controllo preventivo

La Corte Costituzionale, con una sentenza [15], ha stabilito la necessità di sottoporre a revisione periodica la funzionalità e taratura dei dispositivi di controllo elettronico della velocità (ad esempio, tutor e autovelox), al fine di garantire l’affidabilità degli stessi e la loro costante conformità ai requisiti di omologazione. L’obbligo di revisione periodica non si applica, tuttavia, alle lanterne semaforiche con telecamere. A tal riguardo, la Corte di Cassazione [16] ha chiarito che il verbale con il quale ti venga contestata una multa, per passaggio con semaforo rosso, è valido anche ove non attesti il controllo periodico della funzionalità dell’apparecchio utilizzato per rilevare le infrazioni. Questo si giustifica in ragione del fatto che, quando vuoi impugnare la multa per passaggio col rosso, grava su di te l’onere di provare errori o malfunzionamenti dei dispositivi di accertamento delle trasgressioni. Tocca a te, quindi, provare la non conformità delle telecamere ai requisiti di funzionamento e smentire le relazioni di collaudo stilate al momento dell’installazione delle stesse. Dovrai dimostrare che il malfunzionamento ha pregiudicato la veridicità delle immagini e, di conseguenza, la legittimità della multa.

Multa per passaggio con semaforo rosso: come difendersi

Se vuoi opporti alla multa che ti è stata comminata per passaggio con il semaforo rosso, tieni presente che devi osservare i termini previsti dalla legge. Vediamo quali sono:

  • disponi di un termine di 60 giorni, dalla notifica del verbale o dalla contestazione immediata, se vuoi proporre ricorso al prefetto, con raccomandata a/r o con deposito dello stesso presso l’ufficio o comando cui appartiene l’organo che ha elevato la contravvenzione. Questo tipo di ricorso non comporta alcuna spesa (salvo le spese postali, se lo presenti con raccomandata a/r) e non richiede l’assistenza di un avvocato;
  • disponi di un termine di 30 giorni, dalla notifica del verbale o dalla contestazione immediata, se vuoi proporre ricorso dinanzi al giudice di pace del luogo in cui hai commesso la violazione, con raccomandata a/r o con deposito dello stesso presso la cancelleria del giudice. In questo caso sarà necessario il pagamento del contributo unificato, pari ad €43,00 per multe fino ad €1.100,00 (l’importo del contributo unificato aumenta con l’aumentare del valore della causa). Inoltre, se la multa ha valore superiore ad €1.033,00, dovrai pagare una marca da bollo, pari ad €27,00. A tali costi dovrai aggiungere il compenso dell’avvocato, la cui assistenza è in questo caso consigliata, giacché si instaura una vera e propria causa;
  • non devi osservare alcun termine nel caso in cui proponi ricorso in autotutela. In questa ipotesi ti basterà depositare il ricorso presso l’ente che ha redatto il verbale, il quale deciderà sull’annullamento dello stesso. Naturalmente ti converrà attivarti in tempi brevi, in modo tale da non fare scadere i termini per la proposizione delle altre tipologie di ricorso, ove quello in autotutela non dovesse concludersi con esito positivo.

I motivi per i quali potresti proporre ricorso contro la multa per semaforo rosso sono i seguenti:

  • mancata contestazione immediata nei casi in cui è obbligatoria o notifica del verbale oltre 90 giorni da quello in cui hai commesso l’infrazione [17];
  • vizi di forma del verbale [18] (ad esempio la mancata indicazione nello stesso del giorno, dell’ora e della località nei quali hai commesso la violazione, delle tue generalità, degli estremi della patente di guida, del tipo del veicolo e della targa, la mancata esposizione sommaria del fatto, la mancata  citazione della norma violata e le eventuali dichiarazioni che chiedi di inserire nel verbale). Se vieni sanzionato per passaggio con semaforo rosso, il verbale si considera incompleto anche quando in esso non viene indicato il modello ed il numero di matricola del dispositivo di rilevazione utilizzato, nonché il tempo entro cui le telecamere si attivano una volta scattato il rosso. Rende illegittimo il verbale anche la mancata indicazione dei motivi per i quali non è stato possibile contestarti immediatamente la multa;
  • l’indimostrabilità della targa del tuo veicolo attraverso le immagini scattate dal dispositivo di rilevazione della trasgressione. Le foto devono consentire di vedere nitidamente la targa del tuo veicolo, onde evitare incertezze;
  • il non corretto funzionamento delle telecamere e dei dispositivi accessori (ad esempio il countdown, quando installato) o la mancanza dei requisiti di omologazione;
  • l’attraversamento dell’incrocio con semaforo rosso per uno stato di necessità. Ad esempio, nel caso in cui tu abbia trasgredito al segnale rosso del semaforo perché ritenevi di trovarti in una condizione che rendeva necessario proseguire la marcia. Immagina all’ipotesi in cui, a causa di lancinanti dolori allo stomaco e al petto, tu ti sia affretto a raggiungere l’ospedale per timore che si trattasse di qualcosa di grave. Chiaramente, deve trattarsi di una situazione di reale urgenza ed in cui vi sia stato il pericolo attuale di possibili conseguenze gravi.

note

[1] Art. 41, co.11, codice della strada;

[2] Art. 146, co. 3, codice della strada;

[3] Art. 195, co. 2-bis, codice della strada;

[4] Art. 146, co. 3-bis, codice della strada;

[5] Cfr. D.l. n. 69/2013;

[6] Cfr. artt. 203 e 204-bis codice della strada;

[7] Cfr. Corte di Cassazione, sent. n. 24248/2009;

[8] Cfr. Giudice di Pace, Sez. Torre Annunziata, sentenza n. 4963/18 e Corte di Cassazione, sent. n. 17687/2007;

[9] Cfr. art. 201 codice della strada;

[10] Cfr. Corte di Cassazione, sentenza n. 8285/2016;

[11] Cfr. Cass. sent. n. 4255/2015;

[12] G.d.P. Bari sent. n. 7623/2009: “Tutte le ipotesi elencate dall’art. 201 c. strad. sono riconducibili a violazioni in cui, è vero, è impossibile la contestazione immediata, ma è altrettanto vero che la contestazione deve essere rilevata personalmente dall’agente accertatore e non da un apparecchio elettronico. Sorregge tale interpretazione il raffronto tra i casi elencati sub a) b) c) d) ed e) dell’art. 201 comma 1 bis c. strad., accomunati dall’oggettiva difficoltà della contestazione immediata, ma dalla corrispondente garanzia che la violazione sia rilevata dall’accertatore. In tal senso, infatti, va letta la duplice necessità, o meglio, la duplice limitazione all’uso delle apparecchiature elettroniche di rilevamento, consistenti nell’obbligo che le stesse siano nella disponibilità degli organi di Polizia e che il veicolo in oggetto è a distanza dal posto di accertamento o comunque nell’impossibilità di essere fermato in tempo utile (la fattispecie di causa ineriva l’attraversamento di un incrocio con il semaforo rosso, accertato a mezzo di apparecchi elettronici di rilevamento, non contestata nell’immediatezza)”. G.d.P. Lecce, sent. n. 1809/2016 del 14.04.2016;

[13] Cfr. Decreto 27 aprile 2017 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, recante “Caratteristiche per l’omologazione e per l’installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici“;

[14] Trib. Urbino, sentenza n. 281 del 19.10.2012;

[15] Corte Costituzionale, sentenza n. 113/2015;

[16] Corte di Cassazione, sez. II civile, sentenza n. 11574/2017;

[17] Cfr. art. 201 codice della strada;

[18] Cfr. Articolo 383 d.p.r. n. 495/1992 (regolamento attuativo del codice della strada).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. Tempo di reazione
    l’intervallo di tempo tra l’inizio e la stimolazione della risposta.
    Volete misurare il tempo reazione?
    Si sta percorrendo una strada ad alta velocità mentre si ascolta la musica che
    piace di più, improvvisamente si vede la luce del freno della vettura di fronte a noi
    accendersi.
    Si cercherà di premere il freno e rallentare l’auto.
    Ma, c’è un piccolo ritardo di tempo prima che realmente l’autovettura si possa
    fermare  questo è il “tempo di reazione”.
    Durante questo periodo di tempo, l’auto è ancora in movimento alla stessa alta
    velocità!
    Se non si desidera che accada qualcosa di molto brutto, qual è la distanza
    minima di sicurezza tra l’anteriore della vostra auto e la parte posteriore della vettura
    prima?
    Se entrambe le vetture hanno bisogno della stessa distanza, sarà necessario
    fermarsi subito. La distanza minima è il risultato di tale calcolo: (la velocità della
    vostra auto) * (il tempo di reazione).
    1. Velocità iniziale della vettura: valore iniziale è di 72 km/h = 20 m/s
    2. Coefficiente di attrito dei pneumatici su strada: valore iniziale è di 0,8
    Valore tipico di pneumatici Coefficiente statico Coefficiente
    cinetica
    pneumatici auto su calcestruzzo
    asciutto 1.0 0,7-0,8
    pneumatici auto su calcestruzzo umido 0.7 0.5
    pneumatici auto sul bagnato 0.3
    Supponiamo: si è alla guida di un auto con velocità v, e il tempo di reazione è
    T reagire.
    Quando si nota qualcosa di anomalo, serve il tempo T reagire per reagire
    (compreso il tempo per premere il freno e il tempo per il sistema frenante di
    lavorare).
    Prima che il freno inizi a svolgere la sua funzione, la macchina già si stava
    muovendo verso un’altra direzione D reagire = v * T, il tempo di reazione sarà in 0.8s
    (tenendo conto che quella media per persona comune è di 0,6-1,0, tempi che si
    prolungano nell’ipotesi in cui il soggetto abbia bevuto o sia malato o stanco).
    Per una macchina in movimento con velocità 72 km/h ( pari a 20 m/s),
    nell’ipotesi in cui ci sia una macchina che viaggi a un’altra direzione D di reazione = 20 *
    0,8 = 16m prima che il freno sia attivato.
    Ci vorrà più tempo per fermare la macchina (da v a 0).
    Ora, ho intenzione di mostrare come calcolare la distanza necessaria all’auto
    per essere completamente ferma.
    La forza di attrito tra il peso dell’auto e la strada è l’unica forza esterna in grado
    di rallentare la macchina.
    Tutta l’energia della macchina viene trasmessa ai pneumatici durante il
    processo di frenaggio della macchina (in tale modo la temperatura dei pneumatici
    sale).
    Assunto come coefficiente di attrito μ, la forza di attrito è il frutto del calcolo:
    fr -μ * N = -μ * m * g , in cui m è la massa della vettura e g la gravità (m è compreso
    tra 1-1.2 per pneumatici ordinari sottoposti a normali condizioni della strada.
    In caso di pioggia, il coefficiente di attrito può essere ridotto a meno di 0,6 e
    potrebbe ridursi ulteriormente a 0,2-0,4 in presenza di strada ghiacciata.
    Dalla legge di Newton F = m * a = -μ * m * g così a = -μ * g è il
    decelleratore.
    Così il tempo per fermare la macchina è T freno = v / | A | = v / (g * μ).
    Durante l’intervallo di tempo sopra, la velocità ridotta dal v per azzerare
    linearmente la velocità media = (0 + v) / 2 = v / 2 così, la distanza D di frenatura del
    freno = velocità media * T freno = (v / 2) * v / (g * μ) = v 2 / (2 * g μ *).
    Qual è il significato dell’equazione di cui sopra?
    E ci dicono che la distanza di arresto è proporzionale al quadrato della
    velocità di marcia.
    Se la velocità passa da 100 km/h a 120 km/h, la distanza per interrompere
    completamente il cambio macchina da d 100 a (144/100) * d 50 = 1,44 * d 100.
    Per il caso di cui sopra, v = 72 km/h (45 miglia/h) = 20 m/s (G = 9,8 m / s 2 e
    ho in uso g = 10 m / s 2 è usato semplicemente la stima, μ = 1) D freno = v 2 / (2 * g * μ)
    = 20 2 / (2 * 10 * 1) = 20 m.
    Il conducente necessita T reagire per reagire e la macchina necessita T freno per
    essere completamente fermo, che implica la distanza totale percorsa uguale a D reagire +
    D freno = v * T reagire + v 2 / (2 * g * u).
    Per auto v = 108 km / h (67 miglia / h) = 30 m / s: D reagire = 30 * 0,8 = 24 mt D
    freno = 30 * 30 / (2 * 10 * 1) = 45 mt.
    Così, necessita per la macchina 24 + 45 = 69 mt. per fermarsi
    completamente.
    Questa è una lunga distanza (assumere la lunghezza della vettura di 3 mt. è una
    distanza di 23 vetture in linea).
    Se più macchine con la stessa velocità sono in linea in velocità alta, la distanza
    minima tra le auto è D reagiscono.
    Poiché tutte le auto hanno bisogno la stessa distanza a pieno, (Consigliamo:
    multiple D reagire di 1,5 come fattore di servizio).
    Tuttavia, se si sta guidando su una strada e qualcuno si immette nella strada da
    una via laterale, la vettura deve D ferma = D reagire + D freno per riuscire a fermarsi
    completamente.
    Lo stesso accade in un incidente stradale avvenuto di fronte a voi.
    Tutte le vetture all’interno D fermata dall’incidente si imbatterà una sull’altra.
    Si prega di valutare il proprio tempo di reazione e calcolare D reagire + D freno per
    la velocità massima di chi guida che normalmente è ad alta velocità.
    Può essere che si guidi più lentamente dopo aver calcolato il valore.
    La polizia potrebbe non essere lì per dare una multa quando si guida troppo
    veloce.
    La legge della fisica impone D reagire + D freno = v * T reagire + v 2 / (2 * g * u) per
    una macchina per fermarsi completamente.
    La velocità è 110 km/h, si trova a circa 30 m/s (= 108 km/h).
    La distanza tra le auto è di circa 1 1/2 lunghezze di auto (assumerebbe 5 mt).
    Il tempo di reazione è il tempo tra voi ha visto quello che è successo, e il tempo
    che realmente reagire ad esso.
    Durante questo intervallo di tempo, l’auto si muoverà con la stessa velocità.
    Se la macchina di fronte a voi è in movimento e comincia a rallentare, mentre
    ci si muove alla stessa velocità.
    Senza considerare l’effetto termico e ammesso che il freno funzioni
    perfettamente, la distanza di arresto sarà la stessa.
    A causa dell’effetto termico, un auto più grande si arresterà prima (sistema
    frenante ABS può contribuire a ridurre la distanza di frenata di valore teorico).
    Se si pensa che la differenza tra le distanze di frenata sono più di 18 – 5 = 13mt
    (25mt max).
    Si può cercare di rischiare la vita.
    Ma io non ci scommetterei su di esso.
    Vorrei suggerire: conta un secondo per vedere che cosa è la distanza che l’auto
    percorre.
    E’ la stessa distanza minima si dovrebbe tenere tra l’auto e la macchina di
    fronte a voi.
    Se pensate che il vostro tempo di reazione è migliore di 1 secondo.
    È possibile ridurre la distanza di un po’. (Non vorrei suggerire).
    Ma se è successo qualcosa, si può provare a discutere la fisica con Dio se ci
    si incontra con lui.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI