Diritto e Fisco | Articoli

Parente malato o anziano: chi può fare l’amministratore di sostegno?

22 Settembre 2016 | Autore:
Parente malato o anziano: chi può fare l’amministratore di sostegno?

L’amministratore di sostegno assiste chi, per problemi fisici o psichici anche temporanei, non riesce a curare autonomamente i propri interessi: può essere nominato amministratore il coniuge, i genitori, i figli, i fratelli e le sorelle, i parenti entro il quarto grado.

La persona che, a causa di un’infermità o di una menomazione fisica o psichica, non riesce, anche temporaneamente, a provvedere in maniera autonoma ai propri interessi, può essere assistita da un amministratore di sostegno [1].

L’amministratore aiuta la persona con handicap, anziana o comunque malata, a svolgere gli atti di ordinaria e, previa autorizzazione del giudice, di straordinaria amministrazione del patrimonio e la assiste nelle attività necessarie a soddisfare le esigenze di vita quotidiana, in modo da evitare che, a causa della propria condizione fisica o psichica, possa compiere atti pregiudizievoli per se stessa.

Per la nomina di un amministratore di sostegno occorre presentare domanda al tribunale del luogo in cui risiede o ha il domicilio il beneficiario. La domanda si presenta con ricorso depositato dallo stesso beneficiario anche se minore, interdetto o inabilitato, dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dai parenti entro il quarto grado, dagli affini entro il secondo grado, dal pubblico ministero.

Il giudice tutelare, assunte le necessarie informazioni e sentiti i familiari o conviventi e accertati i presupposti  di legge, nomina l’amministratore di sostegno. Il giudice può anche disporre gli accertamenti di natura medica e tutti gli altri mezzi istruttori utili ai fini della decisione.

La scelta dell’amministratore di sostegno deve tener conto delle esigenze di cura della persona e dei beni del beneficiario. La scelta può provenire dallo stesso beneficiario, in previsione della propria eventuale futura incapacità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata.

In mancanza di designazione o se il soggetto designato non è idoneo, il giudice nomina un’altra persona scelta preferibilmente, ove possibile, tra le seguenti:

  • il coniuge che non sia separato legalmente;
  • la persona stabilmente convivente;
  • il padre, la madre, il figlio o il fratello o la sorella;
  • il parente entro il quarto grado;
  • il soggetto designato dal genitore superstite con testamento, atto pubblico o scrittura privata autenticata.

Non possono ricoprire le funzioni di amministratore di sostegno gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico il beneficiario.

Con il decreto di nomina dell’amministratore di sostegno il giudice stabilisce:

  • la durata dell’incarico, che può essere anche a tempo indeterminato;
  • l’oggetto dell’incarico e gli atti che l’amministratore di sostegno ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario;
  • gli atti che il beneficiario può compiere solo con l’assistenza dell’amministratore di sostegno;
  • i limiti, anche periodici, delle spese che l’amministratore di sostegno può sostenere con utilizzo delle somme di cui il beneficiario ha o può avere la disponibilità;
  • la periodicità con cui l’amministratore di sostegno deve riferire al giudice circa l’attività svolta e le condizioni di vita personale e sociale del beneficiario.

note

[1] Artt. 404 e ss. cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Io votrei ottenere l’affidamento della mia matrigna che ha lalzaimer e ha due figli maschi che nonna vedono da anni ora lei vive con me è mio padre ma quando mio.padre ci lascerà posso io fate da tutore a lei??cosa devo fare

Rispondi a Anna Lazzarini Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube