Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento per scarso rendimento: possibile?

19 Settembre 2016
Licenziamento per scarso rendimento: possibile?

È possibile licenziare un dipendente che non lavora, è pigro o lento? Cosa è necessario provare per dimostrare la legittimità del licenziamento?

È possibile il licenziamento per scarso rendimento, ma solo se l’azienda riesce a dimostrare quale sia il livello medio di efficienza raggiunto in azienda dagli altri colleghi, sì da poter ritenere la prestazione del dipendente licenziato sotto gli standard minimi. È quanto chiarito dalla Cassazione con una sentenza di poche ore fa [1].

Scarso rendimento sì, ma rispetto a chi e a cosa? Quando si parla di una prestazione lavorativa «scarsa» è chiaro che si deve avere un termine di riferimento. E se l’elemento di paragone manca o non è dimostrato, l’azienda non può, unilateralmente, qualificare come «di qualità insufficiente» la prestazione del dipendente. Ecco perché, secondo la Suprema Corte, è illegittimo parlare di licenziamento per scarso rendimento se l’azienda non dimostra qual è il grado di efficienza raggiunto dai colleghi del licenziato né lo standard produttivo inizialmente concordato con il dipendente.

Da anni la giurisprudenza si interroga sulla possibilità di licenziamento per scarso rendimento. I dubbi derivano essenzialmente dal fatto che, nel nostro ordinamento, il licenziamento consegue sempre a determinate condotte specifiche, a singoli atti e quasi mai a una valutazione complessiva della qualità del dipendente. Qualità che, peraltro, il datore di lavoro è in grado di verificare prima dell’assunzione con il patto di prova. Il licenziamento per scarso rendimento dovrebbe, alla fine corrispondere alle ipotesi in cui il lavoratore si impegni poco, sia pigro e non produca. Si tratta, quindi, di un licenziamento disciplinare dettato dalla violazione del dovere di diligenza del dipendente.

Alla fine, i giudici sono arrivati ad ammettere come legittimo il licenziamento per scarso rendimento, ma lo hanno subordinato a una serie di paletti e vincoli. Tra questi la necessità di verificare il criterio di valutazione del rendimento. In questo un ruolo centrale lo hanno i contratti collettivi aziendali o nazionali, che possono determinare quel minimo che si può pretendere dai dipendenti. Ma non è tutto. È necessario anche un notevole (nella gravità) e persistente inadempimento da parte del lavoratore agli obblighi scaturenti dal proprio contratto di lavoro.

Secondo la sentenza odierna della Cassazione, l’azienda che licenzia per scarso rendimento non può limitarsi a dimostrare il mancato raggiungimento degli obiettivi sperati o che il conseguimento di questi fosse ragionevole: deve invece provare che la causa del licenziamento sia dovuta a un colpevole e reiterato inadempimento di obblighi contrattuali da parte del dipendente.


note

[1] Cass. sent. n. 18317/16 del 19.09.16.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube