Business | Articoli

Comodato: possibile deduzione dell’IVA sulla ristrutturazione

23 Settembre 2016 | Autore:
Comodato: possibile deduzione dell’IVA sulla ristrutturazione

Non sono rilevanti gli accordi tra le Parti per determinare la deduzione delle spese. Ecco i dettagli. 

Un’ordinanza della Cassazione ha chiarito nei giorni scorsi che la detrazione IVA sulle ristrutturazioni è valida anche nel caso in cui l’immobile sia detenuto con contratto di comodato d’uso.

Vediamo i dettagli.

Detrazione IVA: valida per gli immobili in comodato

La Corte di cassazione ha ribadito (come è più volte successo negli ultimi anni) anche da ultimo, con l’ordinanza degli scorsi giorni [1] che, ai fini della deduzione dell’Iva sulle ristrutturazioni degli immobili, il contribuente può dedurre l’imposta anche se non è proprietario.

Nella fattispecie il caso sul quale la Cassazione è stata chiamata a giudicare riguardava un’azienda che a seguito dell’accertamento per IRPEF, IVA ed IRAP negli anni 2007 e 2008, si era vista comminare una sanzione dall’Agenzia delle Entrate. Il Fisco aveva difatti ritenuto non inerenti alcune delle spese dedotte dal contribuente, tra le altre quelle di ristrutturazione dei locali in cui l’azienda era situata.

La CTR Campania aveva difatti ritenuto che non fosse ammissibile la deducibilità delle spese di ristrutturazione ed adattamento del locale in cui veniva esercitata l’attività d’impresa, sulla base del fatto che i relativi costi facevano capo al proprietario e non anche al comodatario.

Gli accordi tra le Parti non influiscono sulle deduzioni fiscali

Secondo quanto stabilito dalla Cassazione, ai fini della detrazione dell’Iva sulle ristrutturazioni degli immobili, non è rilevante quali siano gli accordi civilistici che regolano il rapporto tra le Parti. Che si tratti cioè di contratto di locazione o di comodato, “il contribuente può portare in detrazione l’imposta assolta sulle spese di ristrutturazione dell’immobile destinato all’esercizio dell’attività d’impresa


note

[1] Cass. ord.17421.

[2] Cass. sent. n. 6200/2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube