HOME Articoli

Lo sai che? Pignoramento illegittimo: Equitalia deve risarcire il danno morale

Lo sai che? Pubblicato il 19 giugno 2012

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 19 giugno 2012

Pignoramento illegittimo per credito inesistente: Equitalia deve risarcire il danno morale subito dal contribuente.

Risale a pochi giorni fa l’ennesimo avvertimento rivolto a Equitalia dalla Cassazione [1]: la società di riscossione deve risarcire al contribuente il danno morale qualora perseveri in un pignoramento fondato su un credito già riconosciuto dal giudice come inesistente.

In particolare, l’obbligo al risarcimento nasce quando il concessionario non abbia interrotto l’esecuzione forzata, nonostante la comunicazione – fattagli dal contribuente – dell’avvenuto annullamento del debito (comunicazione che potrebbe avvenire anche con la notifica della sentenza che ha dichiarato illegittima la pretesa dell’erario).

In tale ipotesi, la condotta di Equitalia integra gli estremi del reato di omissione di atti di ufficio [2].

Nel caso esaminato dalla Cassazione, un avvocato ha ottenuto il risarcimento del danno morale per aver subìto un pignoramento mobiliare all’interno del proprio studio [3] nonostante avesse comunicato al Comune e al concessionario la sentenza che aveva accertato l’illegittimità del credito vantato da Equitalia.

Il danno morale dell’avvocato è consistito nella lesione dell’immagine della persona (e dello studio legale), quale bene pienamente tutelato dal nostro ordinamento.

 

note

[1] C. Cass. sent. n. 9445 dell’11 giugno 2012.

[2] Il reato di omissione di atti di ufficio (art. 328 cod. pen., c. 2) si configura quando “il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l’atto del suo ufficio e non risponde per esporre le ragioni del ritardo”.

[3] Il pignoramento mobiliare è la procedura espropriativa consistente nella sottrazione coattiva di beni mobili del debitore inadempiente.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Bene anche a me è successa una cosa simile, sentenza della commissione tributaria provinciale, non sono ricorso al giudice PER FAR VALERE I MIEI DIRITTI , ma ho dovuto sudare le fatidiche 7 camice e non so quanto tempo perso per ottenere che dopo 6 mesi tolgano finalmente il fermo amministrativo ad una automobile ed ad una moto( perché tutte e due…. il cui valore è piu di circa 70000 euro non lo ho mai saputo) , il debito presunto era irpef per circa 4000 euro.Giudicate voi .
    Non è finita . Anno seguente secondo round ancora Irpef, per l’anno dopo, ma questa volta come ricevo la cartella direttamente con l’Agenzia delle Entrate,vado da loro spiegando come era finita l’anno prima per un problema analogo..risposta.. non ce ne frega niente..lei deve pagare ( alle mie proteste vengo di fatto accompagnato alla porta da 2 usceri)
    Ricorro alla commissione Provinciale che dopo alcuni mesi accoglie il mio ricorso e condanna l’ agenzia delle entrate a pagare 900 euro di spese Questi, carichi di livore li ho sentiti al telefono chiedendo i miei soldi, dicono che non è finita ed infatti si appellano chiedendo tra l’altro l’udienza pubblica?boh?, per poi non presentarsi nemmeno, alla Commissione Tributaria Regionale che conferma la prima sentenza, ricondannandoli, ai 900 di spesa come da prima sentenza ed ad altri 1000 per l’appello, totale 1900 euro di spese.Questo avveniva circa un anno fa ..nonostante i solleciti, chi ha mai visto questi soldi. Visto quanti pesi e misure diverse……, mi viene voglia di incaricare Equitalia per riscuotere il mio debito , pignorando qualche cosa ….all’ agenzia del ……porcate.
    State sereni

  2. Debito verso Equitalia di euro 15.000; Debitore proprietario di distinti beni immobili per un valore complessivo di circa 1000 mila euro (terreni, locali e residenza). Equitalia ipoteca tutto e subito attiva la vendita all’asta della casa residenziale con una stima pari ad un quarto del valore reale di mercato!!!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI