Diritto e Fisco | Articoli

Tassa rifiuti: accertamento nullo se non indica aree tassabili

26 Settembre 2016 | Autore:
Tassa rifiuti: accertamento nullo se non indica aree tassabili

L’avviso di accertamento notificato dal Comune per la riscossione della TARI o TARSU deve indicare, a pena di nullità, la specifica superficie tassata.

È illegittimo e quindi nullo per difetto di motivazione l’avviso di accertamento TARI o TARSU che non indica in modo preciso le aree tassate (per esempio, se superficie coperta o scoperta dell’appartamento o locale commerciale del contribuente).

È quanto affermato da una recente sentenza della Commissione tributaria provinciale di Bari [1].

Secondo i giudici, la mancata indicazione della superficie tassata dell’immobile costituisce un grave vizio di motivazione dell’avviso di accertamento quando non consente al contribuente di comprendere a quale tipologia di area faccia riferimento l’amministrazione comunale (per esempio se all’appartamento o al cortile), tanto più se questi aveva già presentato la dichiarazione relativa all’immobile e il Comune ha accertato ulteriori aree soggette a tassazione.

La motivazione non può consistere nel mero riferimento al verbale con il quale la polizia municipale ha accertato la superficie tassabile dell’immobile se neppure quest’ultimo fornisce dati comprensibili e non equivoci sull’oggetto e sull’esito del controllo eseguito.

Tale difetto di motivazione comporta l’impossibilità per il contribuente di comprendere l’esatta consistenza della pretesa tributaria e, conseguentemente, l’ambito delle difese da preparare e svolgere in sede di impugnazione.

La compressione del diritto di difesa determina l’illegittimità, con conseguente nullità, dell’avviso di accertamento. In caso di impugnazione vittoriosa dell’avviso di accertamento TARI o TARSU non adeguatamente motivato, il Comune soccombente è condannato all’eliminazione del provvedimento dichiarato nullo e al pagamento delle spese processuali.


note

[1] CTP Bari, sent. n. 2533/10/2016.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube