Diritto e Fisco | Articoli

Inoltrare le email viola il diritto d’autore

29 Giugno 2012 | Autore:
Inoltrare le email viola il diritto d’autore

La tesi viene dagli Stati Uniti, ma già la nostra legge sul diritto d’autore contempla, potenzialmente, tale possibilità: inoltrare un’email a qualcuno che non sia lo stesso mittente lede il copyright di quest’ultimo e obbliga ovviamente a risarcirgli il conseguente danno.

Come noto, il diritto d’autore copre ogni opera dell’ingegno dotata di creatività e originalità (deve cioè avere un contenuto mai pubblicato prima ed essere dotata di un margine di inventiva tale da renderla un’attività dell’ingegno). Non vi è dubbio, quindi, che anche un messaggio di posta elettronica possa essere una creazione dell’ingegno e avere un contenuto tutelabile. Pertanto, la sua “pubblicazione” verso terzi (attraverso l’inoltro della mail), senza il consenso dell’autore, è contraria al diritto d’autore.

Bisogna tuttavia distinguere tra:

– il reply: ossia quando il ricevente della mail risponde al mittente. In tal caso non può esserci lesione del diritto d’autore, in quanto l’opera torna al proprio creatore.

– il forward: quando la mail viene inoltrata a soggetti diversi dall’autore. In questa ipotesi, la “pubblicazione” del testo contenuto nel messaggio originale, se non autorizzata dall’autore, può integrare due diversi e concorrenti illeciti:

a. la violazione del diritto d’autore dell’autore della mail: solo se la mail abbia carattere creativo e originale

b. la violazione della privacy dell’autore dell’email: anche se la mail non abbia carattere creativo, purché il contenuto riguardi fatti relativi alla sfera privata dell’autore.

La questione, peraltro, è stata già affrontata dal Garante della Privacy, in una storica sentenza [1].

Il consenso alla pubblicazione da parte dell’autore non deve essere necessariamente scritto o espresso, ma può risultare anche da comportamenti concludenti, in forma implicita.

Chi consideri la questione peregrina legga l’art. 93 della legge sul diritto d’autore.

La norma vieta la pubblicazione delle lettere, epistolari e memorie familiari e personali o altri scritti quando abbiano carattere confidenziale o si riferiscano alla intimità della vita privata.

Perché una norma che, apparentemente attiene alla riservatezza del cittadino, viene inserita in un corpo normativo che riguarda invece i diritti degli autori? Evidentemente si tratta di due diritti tra loro strettamente connessi.

[1] Garante Protez. Dati Sensibili: 24.05.2007 in Notiziario giuridico telematico www.notiziariogiuridico.it.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube