Business | Articoli

Cosa entra nella precompilata 2017

28 Settembre 2016
Cosa entra nella precompilata 2017

Precompilata 2017: molte nuove spese saranno contate automaticamente, ecco quali

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la norma [1] che stabilisce le nuove spese che verranno contabilizzate nella dichiarazione dei redditi Precompilata nel 2017 e per conseguenza gli obblighi di trasmissione dei dati a carico di alcune categorie. Ecco le novità.

Precompilata 2017: tante nuove spese e tanti nuovi obblighi

Saranno numerose le spese che verranno contabilizzate nella precompilata 2017, gli interventi saranno dunque sempre più ridotti per il contribuente. Al contempo sorgeranno sempre maggiori obblighi per i professionisti.

Entreranno certamente in precompilata, tanto per cominciare, le seguenti spese:

  • spese veterinarie,
  • prestazioni infermieristiche e ostetriche,
  • prestazioni radiologiche, 
  • farmaci da banco e parafarmaci,
  • protesi,
  • servizi di ottica e beni connessi.

Saranno dunque obbligati alla trasmissione dei dati al sistema sanitario nazionale, per la precisione al Sistema Tessera Sanitaria i seguenti soggetti:

  • I veterinari, con riferimento alle prestazioni rese e medicinali venduti;
  • Gli psicologi, infermieri, ostetrici e tecnici di radiologia, con riferimento alle prestazioni professionali rese;
  • Gli esercizi commerciali in possesso dell’identificazione per la tracciabilità del farmaco e che vendono farmaci non soggetti a prescrizione (il provvedimento parla genericamente di parafarmacie, ma la categoria è molto più vasta), con riferimento ai dati di acquisto separati per acquisti di medicinali, anche omeopatici e veterinari, dispositivi medici con marcatura Ce, servizi sanitari, assistenza protesi a ed integrativa ed altre spese sanitarie sempreché detraibili o deducibili.
  • Gli ottici, con riferimento ai dispositivi medici marcati Ce e alle altre spese detraibili.

Sistema Tessera Sanitaria: come devono essere trasmessi i dati

I dati devono essere trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria riportando i riferimenti del documento fiscale rilasciato al cliente e il codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria, oltre che eventuali rimborsi.

Trasmissione dati: per il cittadino vige la privacy

Come accade per le altre trasmissioni obbligatorie anche per le spese oggetto dei nuovi obblighi di trasmissione il cittadino potrà avvalersi della facoltà di opporsi alla comunicazione e il trattamento dovrà rispettare le norme in materia di privacy.


note

[1] DM del MEF del 16.09.2016, in GU il 26.09.2016.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube