Tech | Articoli

Vendere oggetti su Facebook

4 Ottobre 2016 | Autore:
Vendere oggetti su Facebook

Con il Marketplace la piattaforma sociale di Mark Zuckerberg lancia la sfida ai siti di annunci offrendo la possibilità a chiunque di poter vendere i propri oggetti.

Finalmente ora è possibile vendere oggetti su Facebook come su tantissimi altri siti di annunci. Si tratta di una nuova funzione introdotta dal social network che consente di scoprire, comprare e vendere cose nella propria community. Per accedere al Marketplace basta toccare l’icona del negozio presente al centro della barra in basso dell’applicazione ufficiale.

marketplace_1

Una volta che si è fatto accesso al Marketplace, vengono visualizzate le foto dei prodotti in vendita vicino al posto in cui ci si trova. È possibile naturalmente effettuare una ricerca mirata, scegliendo il tipo di oggetto e filtrare i risultati in base alla località, alla categoria e al prezzo.

Trovato quello che interessa, basta toccarlo per accedere alla scheda dettagliata con tutte le informazioni come prezzo, immagini, profilo del venditore e tutto il resto. Eventualmente si può salvarlo per recuperarlo in un secondo momento.

marketplace_2

Una volta che si è interessati a comprarlo, si invia un messaggio diretto al venditore col quale poi ci si accorda con tutti i dettagli per il pagamento. Facebook si limita a mettere in contatto acquirente e compratore, ma non fa da intermediario nella transazione.

Mettere in vendita un oggetto è altrettanto semplice. Basta scattare una foto o prenderla dal rullino fotografico, aggiungere il nome, la descrizione il prezzo, confermare la località e la categoria e postarlo sul Marketplace.

marketplace_4

Il Marketplace è accessibile attraverso l’app per Android e iOS solo a chi ha già compiuto i 18 anni ed è disponibile per ora solo in quattro Paesi: Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda. Nei prossimi mesi dovrebbe essere reso disponibile in altri Paesi tra cui si spera anche l’Italia. In arrivo anche la versione desktop.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube