Business | Articoli

Regolamento edilizio unico: ecco come funzionerà

28 Settembre 2016
Regolamento edilizio unico: ecco come funzionerà

Ai blocchi di partenza il regolamento edilizio unico,ma quanto tempo ci vorrà? E quali modifiche introduce ai piani regolatori?

Il regolamento edilizio unico comunale sta per essere varato definitivamente dal governo.

Ancora alcuni aspetti restano tuttavia da chiarire. Vediamo come funzionerà.

Il regolamento edilizio è stato predisposto dal ministero delle Infrastrutture. 

Il prossimo 3 ottobre il testo sarà discusso e prevedibilmente varato dal governo, per poi essere presentato in conferenza unificata. Saranno ancora possibili modifiche, ma i tempi sono comunque piuttosto lunghi, perché dalla conferenza unificata dovranno trascorrere 180 giorni durante i quali le Regioni saranno chiamati alla modifica eventuale del testo. Subito dopo passeranno ulteriori 180 giorni durante i quali saranno i comuni a dover adottare il nuovo regolamento edilizio.

Quanto tempo passa per l’attuazione del regolamento edilizio unico?

A conti fatti si tratta di un anno di lavoro perchè dal prossimo 3 ottobre  – data in cui il regolamento sarà approvato prevedibilmente dal governo, il regolamento unico prenda effettivamente il via.

E forse passerà più tempo.

Sì perché le Regioni, possono – entro i sei mesi a disposizione – intervenire per introdurre norme su materie di loro competenza (con impatto sull’attività edilizia comunale), concedendo di conseguenza un’ulteriore scadenza agli enti locali per adeguare i loro regolamenti edilizi.

Ma esiste un altro tema rilevante: il regolamento unico è davvero “unico”?

La risposta a questa domanda sibillina è probabilmente “no”.

Per quanto si parli di regolamento edilizio unico, il fatto che le regioni possano inserire prescrizioni legate a specifiche norme, o che gli enti comunali possano aggiungere elementi tecnici oltre a quelli predisposti dal ministero, renderà l’attuazione standardizzata certamente poco applicabile.

Cosa succede ai piani regolatori con il nuovo regolamento edilizio unico

Infine: nessuna modifica per quanto sinora approvato: “le previsioni dimensionali degli strumenti urbanistici vigenti, che continuano ad essere regolate dal piano vigente ovvero dal piano adottato alla data di sottoscrizione del presente accordo“. Non ci sarà nessun impatto, dunque per quanto riguarda i piani regolatori già approvati o adottati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube