Diritto e Fisco | Articoli

Incidente per macchia d’olio sulla strada: non sempre l’ente è responsabile

27 Giugno 2012
Incidente per macchia d’olio sulla strada: non sempre l’ente è responsabile

Auto sbanda a causa di macchia d’olio sulla strada: l’ente titolare o gestore della strada non è tenuto al risarcimento quando l’evento è dipeso da condotte di terzi non immediatamente riparabili.

Una macchia d’olio sull’asfalto può essere due volte pericolosa per l’automobilista: al rischio di sbandamento, infatti, potrebbe seguire il legittimo rifiuto, da parte dell’ente titolare della strada, della richiesta di risarcimento. Vediamo perché.

In generale, quando un sinistro stradale è causato dalla cattiva manutenzione della strada (per es. una buca per vizio di costruzione), il proprietario del suolo è responsabile dei danni arrecati al conducente; pertanto lo dovrà risarcire.

Quando invece il danno dipenda da condotte di terzi soggetti (per es., una chiazza d’olio colata da un serbatoio rotto o da una cisterna), bisogna sempre dare all’ente il tempo materiale per provvedere all’individuazione del pericolo e alla sua rimozione. Se in questo breve intervallo si verifica il sinistro, il proprietario della strada non può essere responsabile dei danni provocati.

Infatti, alcune situazioni di pericolo non sono immediatamente eliminabili dall’ente neanche con la più diligente e tempestiva attività di manutenzione.

Tipico è, appunto, il caso della macchia d’olio sull’asfalto: in questa ipotesi, la responsabilità dell’amministrazione per lo sbandamento dell’automobilista viene meno quanto il sinistro si sia verificato prima che fosse ragionevole esigere l’intervento riparatore dell’ente.

È questo, piaccia o meno, l’ultimo orientamento espresso dalla Corte di Cassazione [1].

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 10643/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube