Business | Articoli

WOOLF: il bracciale che vibra a 150 metri dagli autovelox

1 Ottobre 2016
WOOLF: il bracciale che vibra a 150 metri dagli autovelox

La tecnologia aiuta gli spericolati del volante. A 150metri dall’autovelox il braccialetto ti avvisa. Boom di prenotazioni.

Il Crowdfunding permette vendite che sul mercato standard non sarebbero forse neanche possibili.
L’ultima idea stravagante e certamente di successo è quella del bracciale Woolf, un gadget che permette a chi lo indossa di essere avvisato quando si è nelle prossimità dell’autovelox.
Il dispositivo viene venduto in anteprima su kickstarter, uno dei portali di crowdfunding più importanti al mondo.
Il progetto, manco a dirlo, è di un gruppo di italiano.

Come funziona Woolf?

Il braccialetto Woolf, ricorda nella forma e nel materiale un comune braccialetto in pelle da mettere al polso. Naturalmente funziona sia se utilizzato sulla moto, sia sull’auto o su qualsiasi altro veicolo. All’interno del braccialetto un sistema di vibrazione è in grado di attivarsi a circa 150 metri dalla presenza di un’autovelox o di una delle 7.600 zone sensibili in Italia

Per fare questo lavoro il braccialetto sfrutta la geolocalizzazione del telefono o del dispositivo con cui si collega in Bluetooth e interroga il servizio SCDB – leader nel mondo per la mappatura di autovelox e punti pericolosi.

Quanto costa Woolf?

Il costo di prenotazione è di 95 euro, la consegna – previa naturalmente raggiungimento del target di commercializzazione è prevista per il prossimo aprile.
Il costo previsto per la produzione in serie è di 45mila, ma sono stati già raccolti oltre 13mila euro. La soglia dei 45mila deve essere raggiunta entro metà ottobre.

Per sapere come funziona il crowdfunding ti consigliamo i nostri approfondimenti sul tema, tra gli altri Il Crowdfunding: un nuovo strumento di finanziamento per diversi tipi di utenti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube