Business | Articoli

Cancellata l’IRPEF agricola nel 2017

1 Ottobre 2016
Cancellata l’IRPEF agricola nel 2017

Il governo annuncia un taglio all’IRPEF agricola, risparmi per 200milioni di euro per le imprese.

L’annuncio è venuto qualche giorno fa in occasione di un incontro del Premier con la Coldiretti, a Firenze.

La notizia è che se per il taglio dell’IRPEF dei contribuenti si dovrà ancora attendere (si legga Scaglioni IRPEF: da 5 a tre nei prossimi anni?), per l’IRPEF agricola, ovvero l’imposta pagata sui redditi derivanti dalle attività agricole, il 2017 potrebbe essere l’anno giusto.

Quanti coltivatori pagano l’IRPEF agricola?

Evidente la soddisfazione di Coldiretti che sottolinea come siano circa 400mila gli agricoltori italiani che beneficeranno della misura, per un risparmio stimato in oltre 200milioni di euro per le imprese agricole.

Cos’è l’IRPEF agricola, o più correttamente l’IRPEF in Agricoltura?

Si chiama comunemente IRPEF agricola l’imposizione fiscale effettuata sugli agricoltori per i redditi derivanti dal lavoro agricolo.

Per le ditte individuali e società semplici l’imposizione non viene calcolata tuttavia in base al reddito effettivo conseguito, bensì in base ad un reddito medio ordinario rappresentato dai redditi catastali (quindi di fatto collegato agli immobili posseduti e/o gestiti).

La cancellazione dell’imposta rappresenta evidentemente un notevole risparmio.

IRPEF agricola cancellata nel 2017: soddisfatta la Coldiretti

Naturalmente si dichiara soddisfatto il Presidente di Coldiretti Moncalvo: “Si riconosce finalmente che l’agricoltura è un bene comune perché nel fare impresa produce effetti positivi sul piano ambientale, paesaggistico e culturale che tutti i cittadini possono apprezzare” – sottolineando come si tratti di “una netta inversione di tendenza rispetto agli ultimi decenni che restituisce dignità al lavoro nei campi e sostiene la competitività delle imprese agricole italiane”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube