Pensione, Ape agevolata con almeno 30 anni di contributi

14 Ottobre 2016 | Autore:
Pensione, Ape agevolata con almeno 30 anni di contributi

Ape sociale con un minimo di 30 anni di contributi se disoccupati, disabili o beneficiari di Legge 104, o di 36 anni se addetti a lavori gravosi.

Marcia indietro sull’anticipo pensionistico agevolato, cioè sulla cosiddetta Ape sociale o Ape agevolata: questo strumento avrebbe consentito a determinate categorie di lavoratori svantaggiati l’uscita dal lavoro a 63 anni di età, con un minimo di 20 anni di contributi, senza penalizzazioni sulla pensione.

Il Governo, ora, ha annunciato che l’Ape a costo zero sarà soltanto per chi avrà maturato, al momento della domanda:

  • almeno 30 anni di contributi, se appartenente alle seguenti categorie:
    • disoccupati;
    • disabili;
    • lavoratori che assistono un familiare disabile;
  • almeno 36 anni di contributi se lavoratore addetto ad attività particolarmente faticose e pesanti: sono compresi nella categoria gli operai edili, gli autisti, gli infermieri, i meccanici, le maestre d’asilo.

Gli addetti alle attività gravose, però, avranno la possibilità di fruire, anziché dell’Ape sociale, della pensione anticipata con 41 anni di contributi, se possiedono almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento del 19° anno di età.

Per fruire dell’Ape agevolata, inoltre, il reddito dell’interessato non dovrà superare 1350 euro lordi al mese: in caso di reddito superiore, comunque, la penalizzazione sulla pensione sarà calcolata sulla sola parte eccedente i 1.350 euro.

Ape: penalizzazione sulla pensione

Per i non appartenenti alle categorie beneficiarie dell’Ape agevolata, le penalizzazioni sulla pensione oscilleranno, in media, attorno al 4,5 4,6% dell’assegno. Le penalizzazioni corrisponderanno alle rate del prestito-ponte, cioè del prestito che consentirà di fruire del trattamento anticipato, l’Ape appunto, sino alla maturazione dei requisiti della pensione di vecchiaia. Il prestito dovrà essere restituito in 20 anni: le rate comprenderanno non solo il capitale da restituire, ma anche gli interessi (è stato ipotizzato un tasso annuo nominale del 3,3%) e l’assicurazione sul rischio di premorienza del pensionato.

L’anticipo massimo possibile è pari a 3 anni e 7 mesi, considerando che i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia sono, attualmente:

  • almeno 20 anni di contributi;
  • 66 anni e 7 mesi di età, per gli uomini e le lavoratrici pubbliche;
  • 65 anni e 7 mesi di età, per le lavoratrici del settore privato;
  • 66 anni e 1 mese di età per le lavoratrici autonome.

Il requisito di età, dal 2018, sarà uguale per tutti e pari a 66 anni e 7 mesi.

Ape con penalizzazioni ridotte

Non sono ancora state fornite le specifiche in merito alla terza categoria di Ape, che si aggiunge all’Ape volontaria e a quella agevolata: si tratta della cosiddetta Ape con penalizzazioni ridotte, che a sua volta si divide in Ape aziendale e Rita. L’Ape aziendale consentirà di coprire parte del prestito, dunque di ridurre le penalizzazioni, per i lavoratori in esubero a causa di ristrutturazioni aziendali: sarà l’impresa a coprire, almeno parzialmente, il finanziamento, attraverso il pagamento di appositi contributi.

La Rita, invece, sigla che sta per rendita integrativa anticipata, consisterà nell’anticipo della pensione complementare, o di una sua parte, per coprire il prestito pensionistico, in tutto o parzialmente; naturalmente sarà rivolta ai soli lavoratori che aderiscono alla previdenza integrativa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Salve,
    ho letto l’articolo, in particolare mi interessa l’aspetto che riguarda i lavori gravosi, volevo sapere, come si può sapere se l’attività che abbiamo svolto fà parte di lavoro gravoso? L’azienda dovrà rilasciare un attestazione che attesti che il tipo di attività svolta è un tipo di lavoro gravoso? Se bisogna richiedere un attestazione, in quale caso bisogna richiederla? Se si ha bisogna di questa attestazione e non la si richiede, l’INPS può valutare automaticamente che si tratta di lavoro gravoso? Es. ho svolto 11 anni di attivita agricola, il caf mi dice che per farlo risultare come attività gravosa, bisogna recarsi presso l’azienda e farsi rilasciare un attestato che attesti che si tratta di lavoro gravoso, ma se questo attestato non me lo faccio fare, a cosa potrei incorrere? Grazie Andrea

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube