Business | Articoli

Antibiotici nel pollo, trovato escherichia coli: i rischi

2 Ottobre 2016
Antibiotici nel pollo, trovato escherichia coli: i rischi

Altroconsumo analizza i petti di pollo: presente Escherichia Coli, un batterio resistente agli antibiotici. Perchè si è sviluppato e i rischi  per la salute.

In un’indagine di Altroconsumo sono stati analizzati 40 petti di pollo di varia provenienza, acquistati tra Roma e Milano e nella maggior parte dei casi (25 su 40) all’interno della carne è stata trovata traccia del batterio Eschirichia coli, un batterio che oltre ad essere piuttosto pericoloso per la salute umana, ha la caratteristica di essere “resistente” agli antibiotici.

Eschirichia coli nel pollo: perchè accade

Senza avventurarci in spiegazioni scientifiche troppo complicate, per dare una ragione alla presenza del batterio nella carne di pollo ci basta sapere che si tratta di un batterio resistente agli antibiotici.

Lo sviluppo di questo tipo di batterio all’interno del pollo è stato dunque determinato con tutta probabilità dal largo uso che degli antibiotici si fa in fase di allevamento.

Naturalmente non sfugge che questa pratica ha una serie di rischi per l’uomo. Il rischio principale, in particolare, è che gli antibiotici diventino inefficaci anche per noi.

Ma esiste un secondo rischio è determinato proprio dal batterio.

Cuocere il pollo molto bene, eschirichia coli in agguato

Come sottolinea Altroconsumo, se il pollo non viene cotto adeguatamente, si rischia che i “superbatteri”  trasferiscano questa caratteristica di resistenza ai farmaci anche ad altri microrganismi presenti nel nostro corpo.

Antibiotici nel pollo: parte una petizione

Altroconsumo lancia dunque una petizione attraverso una campagna mail di massa alle aziende produttrici e la promozione dell’adesione alla campagna Consumer International. Il rischio paventato è ritrovarsi in un’era “post-antibiotica” e se si pensa all’avanzamento medico che questo genere di farmaci ha portato negli ultimi 50 anni, ci si rende conto di quanto questa eventualità possa essere pericolosa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Antibiotici nel pollo? Unaitalia risponde: l’associazione di riferimento dei produttori italiani di carni bianche di pollo, chiarisce che la campagna “Basta antibiotici nel piatto” lanciata da Consumer International è già una realtà. La stessa inchiesta di Altroconsumo sottolinea che sui campioni analizzati in Italia non sono stati riscontrati residui di farmaci nella carne, come confermano anche i risultati del Piano Nazionale Residui (PNR): l’obiettivo di non mettere antibiotici nel piatto è già pienamente conseguito.

    1. La ringraziamo della segnalazione, procediamo certamente a pubblicare la replica per completezza di informazione,
      cordiali saluti

      Redazione LLpT Business

Rispondi a pollo antibiotici Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube