Diritto e Fisco | Articoli

Ultimo ACTA e voto del parlamento: “no” definitivo

4 Luglio 2012 | Autore:
Ultimo ACTA e voto del parlamento: “no” definitivo

Il Parlamento europeo ha bocciato l’ACTA, siglato a Tokyo nel gennaio scorso. Una decisione che in molti attendevano e in cui ormai speravano.

Il D-day fissato per oggi, avrebbe deciso le sorti dell’accordo ACTA, l’Accordo Internazionale Anti Contraffazione (Anti Counterfeiting Trade Agreement)che intendeva regolare, in modo comune a tutti gli Stati Membri dell’UE, la lotta alla contraffazione e alla pirateria informatica per dare una maggiore tutela al copyright.

Durante la discussione su Acta, il parlamento è stato oggetto di una pressione senza precedenti da parte di milioni di cittadini europei che hanno chiesto la bocciatura le testo, con manifestazioni per strada, e-mail ai deputati e telefonate ai loro uffici.

La maggioranza è stata schiacciante: 78 deputati hanno votato contro Acta, 39 a favore e 165 si sono astenuti.

La principale sostenitrice dell’ACTA è stata, da sempre, la Commissione Europea. Ma già il Garante europeo si era schierato contro le tecniche invasive dell’accordo, suscettibili di violare la privacy di milioni di netizen. Insieme ad esso, una serie di associazioni di tutela dei diritti sulla rete (che hanno raccolto ben 2.4 milioni di firme) e una schiera di giuristi, soprattutto convinti che le nuove norme avrebbero portato a una forte limitazione nella ricerca e sviluppo dei farmaci, ai danni dei paesi in via di sviluppo. Infatti, l’ACTA avrebbe consentito alle grandi case farmaceutiche di richiedere, a chi sviluppa medicinali generici in grado di salvare vite, i nominativi di chi svolgeva ricerche su farmaci già brevettati,  impedendo loro le prosecuzioni degli esperimenti.

Anche la Commissione Commercio Internazionale del Parlamento europeo aveva votato, qualche giorno fa, per il rifiuto dell’ACTA, con 19 voti contrari e 12 a favore.

Secondo il relatore della Commissione David Martin “Acta non è l’accordo giusto per affrontare su scala commerciale la contraffazione e la pirateria”.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube