Bonus ristrutturazioni e mobili 2017: quali le proroghe?

19 Ottobre 2016
Bonus ristrutturazioni e mobili 2017: quali le proroghe?

Detrazioni per ristrutturazioni edilizie al 50%, per interventi di efficienza energetica al 65% e acquisto mobili ed elettrodomestici anche per tutto il 2017: la legge di bilancio conferma i bonus fiscali che stanno trainando l’edilizia e il patrimonio immobiliare.

Mentre si lavora ancora sulla bozza della legge di Bilancio 2017, le indiscrezioni hanno già confermato uno dei capitoli più attesi: la proroga dei bonus sulle ristrutturazioni ci sarà e, al momento, è sottoposta al vaglio della Commissione Europea. L’UE avrà alcune settimane per analizzarlo.

Le misure destinate agli incentivi fiscali sulle ristrutturazioni edilizie previste anche per il 2017 sono così riassumibili:

– riapertura dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017 della detrazione al 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia da spalmare comunque nell’arco di dieci anni;

– riapertura, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017, delle detrazioni al 65% per interventi di efficienza energetica;

– proroga, fino al 2021, della detrazione per gli interventi di efficienza energetica realizzati sulle parti comuni degli edifici condominiali e degli Istituti autonomi per le case popolari;

– aumento della detrazione dal 36% al 70%, per interventi sull’involucro, e al 75%, per miglioramento della prestazione energetica invernale e estiva;

– proroga della detrazione al 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica elevata;

– per quando riguarda infine gli interventi antisismici diverse sono le novità. Innanzitutto si amplia la detrazione che scatta su edifici ricadenti nelle zone sismiche 1 e 2 ed è dal 36% al 5% (da suddividere in 10 anni); il bonus fiscale viene esteso anche alla zona sismica 3. Il beneficio viene poi prorogato fino al 31 dicembre 2021.


note

Autore immagine: laleggepertutti.it/Palumbo


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube