Business | Articoli

Scuola: stabilizzazione per 25mila docenti

5 Ottobre 2016
Scuola: stabilizzazione per 25mila docenti

Il Ministro promette 25mila stabilizzazioni, da inserire nella nuova legge di stabilità. Ecco i dettagli dell’incontro Ministero-Sindacati. 

L’organico di fatto dovrebbe passare ad organico di diritto.

Il numero di stabilizzazioni richieste dal Ministero dell’Istruzione al Ministero dell’Economia -che ne deve verificare la compatibilità finanziaria per poi eventualmente inserirli nella legge di stabilità – è di 25mila posti circa, ovvero di tutti coloro i quali sono ad oggi non professori di ruolo ma supplenti. Per i sindacati dall’incontro con Stefania Giannini sono uscite luci e ombre: “È positiva la richiesta di stabilizzare 25mila cattedre – hanno detto in coro le sigle -. Ci aspettiamo ora modifiche alla legge 107 e l’apertura rapida delle trattative per il rinnovo del contratto”. Qualche dettaglio.

Scuola: 25mila immissioni in ruolo

L’incontro governo-sindacati in ambito scolastico pare avere sortito alcuni effetti incoraggianti, sebbene dal governo si tendano a “mettere le mani avanti” su alcuni disagi prevedibili in fase operativa.

Il Ministro Giannini ha confermato ai sindacati riuniti (Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda e Snals-Confsal) la volontà di stabilizzare le circa 25 mila cattedre coperte da docenti non di ruolo, il cosiddetto organico “di fatto”.

Ha inoltre sottolineato che i 36 mesi di contratto a termine non hanno efficacia retroattiva, ciò vuol dire che il limite si applica a partire dal 1 settembre e non tiene conto dei contratti già attivi negli anni precedenti.

I sindacati strappano inoltre una promessa al Ministro (che vale quanto una promessa, naturalmente), ovvero quella di gestire per il prossimo anno le operazioni di mobilità degli insegnanti in maniera più efficiente ed ordinata.

Il Ministro accetta la critica, sottolineando tuttavia che il 65% delle cattedre disponibili sono al Nord di Roma e circa l’80% dei professori immessi in ruolo risiede invece a Sud della capitale.

Immissioni in ruolo degli ATA: nei piani del MIUR, ma nessun dettaglio

Al Ministero stanno anche lavorando ad un piano straordinario di immissioni in ruolo del personale tecnico-amministrativo, ovvero il personale ATA, le carenze d’organico in questo senso sono più che conosciute. I dettagli sull’immissione in ruolo tuttavia non sono ancora chiari.

Concorso a Preside: entro fine anno nuovi Dirigenti Scolastici

Ulteriore dettaglio fornito da Trastevere a fine incontro è l’intenzione entro fine anno di bandire un nuovo corso-concorso per i dirigenti scolastici.

L’obiettivo è quello di limitare le reggenze che oggi interessano il 19,4 % del totale delle posizioni (1400 reggenze su 7200 dirigenti in Italia).

Trasferimenti: 3mila conciliazioni

Sul fronte dei trasferimenti, che ha infiammato l’estate 2016 e continua a generare grandi disagi, il Ministro ha aggiornato i dati relativi alle procedure di conciliazione avviate.

Si tratta di 5mila procedure per oltre la metà delle quali (3mila circa) si è trovato un accordo conciliativo.


note

Autore immagine: Pixabay.com


1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube