Business | Articoli

Cassa integrazione ordinaria e straordinaria, le ultime modifiche

5 Ottobre 2016
Cassa integrazione ordinaria e straordinaria, le ultime modifiche

Aumentano i giorni per la richiesta di cassa integrazione, ecco come si modifica la disciplina con il correttivo al Jobs Act alla CIGS e alla CIGO.

Il correttivo al Jobs Act introduce delle modifiche alle modalità di richiesta della cassa integrazione ordinaria e straordinaria. Vediamo i dettagli per ciascuna di esse.

Cassa integrazione ordinaria (CIGO): modifiche del correttivo al Jobs Act

Con il correttivo al Jobs Act nella disciplina della Cassa Integrazione ordinaria (CIGO) si amplia quanto previsto con riferimento alle modalità e ai tempi di richiesti del sostegno [1].

Nell’originaria formulazione della legge era previsto che la domandati Cassa Integrazione Ordinaria dovesse essere presentata entro il termine di 15 giorni dall’inizio della sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

Con il correttivo al Jobs Act il termine viene prolungato di un massimo di 45 giorni, ovvero sino alla fine del mese successivo in cui è verificato l’evento.

Cassa integrazione straordinaria (CIGS) modifiche del correttivo al Jobs Act

Con riferimento alla Cassa integrazione Straordinaria (CIGS) si introduce con il correttivo al Jobs Act una modifica strutturale che riguarda la regola in base alla quale la riduzione o sospensione dell’attività lavorativa che viene concordata tra le parti (dunque tra i sindacati e il datore di lavoro) in base al quale la CIGS viene richiesta, dovrà inizierà entro i trenta giorni successivi a quello di presentazione della domanda.


note

[1] Dlgs 148/2015, art. 15, c. 2.

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube