Diritto e Fisco | Editoriale

Parcheggiatore abusivo: è estorsione anche per pochi spiccioli

6 Luglio 2012
Parcheggiatore abusivo: è estorsione anche per pochi spiccioli

“Tengo famiglia” non basta: il parcheggiatore abusivo che pretende anche pochi spiccioli per “custodire” l’auto, con la velata minaccia – in caso contrario – di danneggiarla, commette estorsione. 

Il parcheggiatore abusivo che pretende anche pochi spiccioli per “custodire” l’auto, con la velata minaccia – in caso contrario – di danneggiarla, commette estorsione.

Non si tratta di una spontanea beneficienza quella che fa il conducente, anche se le minacce sono solo velate e sottointese.

Un monito è giunto, a riguardo, da una recente sentenza della Cassazione [1].

È ovvio, tuttavia, che la condotta intimidatoria, sia pure indiretta e mascherata, debba essere manifestata all’esterno dall’abusivo e non può trattarsi invece di un semplice timore soggettivo dell’automobilista.

I tanti poliziotti, di fronte ai cui occhi distratti spesso si consumano tali condotte, non possono più assolverle come mere venalità sol perché hanno, come contropartita, pochi euro. Essi, al contrario, sono costretti a intervenire fulmineamente. “Teng’ famiglia”, per il diritto, non è una scriminante!

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 21942 del 7.06.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube