Diritto e Fisco | Articoli

Fondo patrimoniale: quali beni possono essere oggetto del vincolo

5 Luglio 2012


Fondo patrimoniale: quali beni possono essere oggetto del vincolo

> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 Luglio 2012



Immobili, beni mobili registrati e titoli di credito: ecco le tipologie di beni che possono rientrare nel fondo patrimoniale.

Il fondo patrimoniale può essere costituito tanto all’atto del matrimonio quanto successivamente.

È sempre possibile, anche dopo la costituzione del fondo, arricchire il fondo con beni ulteriori rispetto a quelli inizialmente conferiti: tuttavia, sarà sempre necessario ritornare dal notaio e redigere un nuovo atto.

La legge [1] indica espressamente i beni che possono essere conferiti nel fondo patrimoniale. Tali sono gli immobili (per es. un terreno, un appartamento), i mobili iscritti in pubblici registri (per es. un’automobile, una barca), i titoli di credito.

Sono esclusi dunque i beni mobili non registrati (per es. la mobilia di una casa, oggetti preziosi e di valore, ecc.). Tuttavia ciò è vero solo al momento dell’atto di costituzione del fondo. In verità, si ritiene che possano farsi rientare nel fondo anche i frutti (che sono appunto beni mobili) dei beni conferiti (per es. le somme di denaro derivanti dall’affitto di un immobile) e le loro pertinenze (cose destinate al servizio o ornamento di altre cose, come per esempio l’ascensore di una casa, il portone, un pozzo per l’irrigazione di un terreno, lo scaldabagno, il bestiame, gli attrezzi di un fondo agricolo, il condizionatore di un appartamento, le scialuppe di una nave, il posto auto all’aperto in un condominio).

In ogni caso, i frutti dei beni costituenti il fondo patrimoniale devono essere impiegati per i bisogni della famiglia.

Molti autori ritengono che oggetto del fondo possano essere anche i brevetti per invenzioni industriali. Anche il marchio, peraltro, può essere conferito all’interno del fondo patrimoniale, atteso che, con una recente riforma [2], esso può essere trasferito indipendentemente dall’azienda cui si riferisce.

Dubbi interpretativi vi sono per quanto riguarda i diritti reali limitati, come l’usufrutto, l’uso, il diritto di abitazione, la servitù, la superficie. Essi infatti non realizzerebbero lo scopo di una garanzia patrimoniale per la famiglia, non adempiendo così alla finalità tipica del fondo.

Quanto ai titoli di credito, alcuni autori ritengono che solo quelli nominativi possano essere oggetto del fondo patrimoniale. Questo perché il vincolo deve comunque risultare in qualche modo dal titolo stesso, per renderlo opponibile ai creditori.

 

 


note

[1] Art. 167 cod. civ.

[2] La riforma di cui al D.lg. n. 480/1992 ha riformato l’art. 2573 cod. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI