Business | Articoli

Artigianato digitale: come richiedere le agevolazioni

8 Ottobre 2016
Artigianato digitale: come richiedere le agevolazioni

Parte la misura del MISE dedicata ai servizi digitali. Ecco come si presentano le richieste di agevolazioni.

I programmi finalizzati alla promozione di attività innovative nell’ambito dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile sono stati istituiti lo scorso giugno [1].

Essi prevedono agevolazioni per spese ammissibili, al netto dell’IVA, non inferiori a euro 100mila e non superiori a euro 800mila, nonché una consistenza del fondo patrimoniale comune ovvero consortile almeno pari al 30 percento dell’importo di spesa del programma.

Artigianato digitale e manifattura sostenibile: requisiti di accesso alle agevolazioni

Possono accedere ai finanziamenti del nuovo bando per le reti di impresa nel campo dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile raggruppamenti di imprese composti da almeno 5 imprese (anziché 15 come nel primo bando), costituite in ATI (associazione temporanea di imprese) o RTI (raggruppamento temporaneo di imprese) che prevedano al loro interno la presenza di imprese artigiane ovvero microimprese in misura almeno pari al 50% dei partecipanti.

Devono essere inoltre soddisfatti i seguenti requisiti:

  • essere regolarmente iscritte nel registro delle imprese;
  • di essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  • trovarsi in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente, così pure con la normativa inerente agli obblighi contributivi.
  • consistenza del fondo patrimoniale comune ovvero consortile pari almeno al 30% dell’importo di spesa del programma proposto.

L’erogazione delle agevolazioni da parte del Ministero è subordinata alla verifica della regolarità contributiva, tramite l’acquisizione d’ufficio del documento unico di regolarità contributiva (DURC).

Presentazione delle richieste per artigianato digitale

Le richieste vanno essere presentate tramite Pec all’indirizzo dgiai.artigianatodigitale@pec.mise.gov.it a partire dal giorno successivo alla data di trasmissione della concessione delle agevolazioni, firmata per accettazione da parte del beneficiario. Dal momento del completamento del programma progettuale, il beneficiario dovrà quietanzare le spese non oltre i 60 giorni successivi e inviare la documentazione firmata digitalmente.

Come vengono erogati i finanziamenti artigianato digitale

L’agevolazione viene erogata direttamente dal Ministero a fronte di titoli di spesa quietanzati, anche singoli, inerenti alla realizzazione del progetto agevolato e di importo almeno pari al 25 percento dell’importo del programma ammesso, fatta eccezione per la quota a saldo.


note

[1] DM 21.6.2016.

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube