Business | Articoli

Truffa del cambio operatore: cos’è e come difendersi

9 Ottobre 2016
Truffa del cambio operatore: cos’è e come difendersi

Il tuo gestore ti contatta per aumentare le tariffe. Ma è una truffa per farti cambiare operatore: ecco come funziona.

La nuova truffa del cambio operatore è ingegnosa nella sua pericolosità.

Si tratta, se volete, di una versione multimediale del sistema dello specchietto dove il primo ladro in motorino ti chiude lo specchietto e quando metti il braccio fuori per riaprirlo il secondo ti sfila l’orologio dal polso.

In epoca di call center bollenti e telemarketing sempre più selvaggi non stupisce che per favorire il cambio operatore si sia giunti anche  a quanto stiamo per raccontarvi.

Due telefonate, la prima ti truffa la seconda è un contratto

La truffa che stiamo per raccontarvi si svolge con due telefonate in successione. La prima è una telefonata con la quale l’operatore si spaccia per essere il vostro operatore di telefonia.

Con garbo descrive il prossimo aumento delle tariffe, dovuto a politiche aziendali, e annuncia un’incremento dei costi telefonici sulla bolletta in arrivo.

Il consumatore prevedibilmente innervosito dalla comunicazione, sarà a questo punto predisposto a cambiare operatore una volta per tutte.

Ecco allora che arriva la seconda telefonata in successione alla prima. Si tratta proprio di un altro operatore che propone tariffe molto vantaggiose. Fare il cambio sarà rapido e indolore e porterà di conseguenza a non pagare quelle tariffe esose. Il gioco – truffaldino – è fatto.

Come difendersi dalla truffa del cambio operatore

È bene sapere, tanto per cominciare, che ad oggi non vi è notizia di forti aumenti nel campo della telefonia. In secondo luogo è evidente – ma giova ricordarlo – che una compagnia telefonica non potrà cambiare le proprie condizioni tariffarie senza inviarvi una modifica unilaterale del contratto, a seguito della quale avrete comunque la possibilità di recedere dal contratto stipulato.

Si tratta di comunicazioni scritte delle quali la stessa compagnia ha interesse a lasciare una traccia di comunicazione effettuata, nessuna telefonata,

Non fornire i dati personali: anche il “Sì” al telefono può essere pericoloso

Non ci stancheremo inoltre di ricordarvi come spesso anche un “sì, pronto” al telefono possa essere pericoloso, per sapere per quale motivo, vi rimandiamo al nostro approfondimento Truffa telefonica: cambio contratto a tua insaputa.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube