Diritto e Fisco | Editoriale

SIAE, tra costi e ricavi: Checco Zalone, Harry Potter e la limonata

6 Luglio 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 Luglio 2012



Sino ad oggi, la musica si è servita dei “dischi”, ora internet ha creato nuovi metodi di distribuzione e condivisione. Questo però non decreta la morte della musica, anzi.

La SIAE ha presentato l’annuario dello spettacolo relativo al 2011: crolla il cinema (circa il 10% in meno rispetto al precedente anno) e il teatro (-2,31%). Checco Zalone è stato il film più visto nel 2011, superando anche Harry Potter. Il calo maggiore della spesa si è avuto al sud, mentre si va al cinema prevalentemente in Lombardia e Veneto.

Roma è la città dove si spende di più per vedere film, concerti, parchi da divertimento e mostre, mentre Milano ha la maggiore spesa per il teatro, lo sport, il ballo e i concertini.

Cresce la spesa al botteghino degli stadi (in particolar modo per il calcio), mentre la vera sorpresa proviene dai concerti, settore che registra un rialzo di quasi il 5%.

Il che conferma un dato ormai evidente a tutti: diminuisce in tutto il mondo la vendita dei dischi fisici e, per recuperare le perdite, gli artisti puntano il timone sui live.

Una crisi che non è “la crisi della musica”, come i produttori vorrebbero far intendere, bensì solo la crisi del settore discografico. Non per questo – checché se ne dica – la musica scomparirà: ha semplicemente trovato nuovi canali, più liquidi, di pubblicazione.

Sino ad oggi, le sette note si sono servite  dei “dischi” come strumento per diffondersi, al pari dei treni che, fino a qualche decennio fa, hanno avuto bisogno del carbone per muoversi.

Ora internet ha creato nuovi metodi di distribuzione e condivisione. Questo però non decreta la morte della musica. Allo stesso modo, non perché non esistono più i treni a vapore la gente ha smesso di viaggiare sulle rotaie. Cambiano gli strumenti dell’offerta, ma non l’offerta.

Un esempio. L’uso del computer, in sede di post produzione, ha significato il licenziamento di molti tecnici del suono. Nessuno però, in quella occasione, ha lanciato allarmi su una possibile estinzione della musica.

Scompaiono i negozi specializzati, l’industria discografica chiude gli uffici nelle maggiori città e contemporaneamente si riconverte nella musica dal vivo, stringendo accordi con le maggiori agenzie organizzatrici di concerti. Nascono nuove forme di commercio, nuovi business, nuove figure professionali. Streaming e cloud stanno muovendo il mercato.

Sony e Warner, due major che hanno ormai cavalcato l’onda del lamento anti-pirateria, non stanno poi così male: in questo momento, stringono legami commerciali con Vivo e F&P Group per l’organizzazione di eventi. Così i tuor dei musicisti si allungano in una serie di infinite date.

James Hetfield, frontman e chitarrista dei Metallica, band i cui ricavi hanno sempre fatto registrare record storici, ha dichiarato: “Prendersi due anni di pausa non è più possibile. Prima ce la facevamo perché a sostenerci c’erano le royalties sui nostri dischi: ci arrivava un assegno ogni tre mesi. Adesso quando pubblichi un album ne raccogli i frutti in una volta; in due, se proprio ti va bene”. I Metallica, per chi non lo sapesse, si muovono con un loro aereo privato…

Quel che esce dalla porta rientra sempre dalla finestra. Dove la S.I.A.E. aveva inizialmente perso (vendita di musica fisica), lo ha riottenuto per altra via (vendita di musica sugli e-store e concerti). Non tutto il male vien per nuocere.

Un anonimo una volta ha scritto: “Se la vita ti offre limoni, tu fai una limonata”…

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

3 Commenti

  1. “Se la vita ti offre limoni, tu fai una limonata”. Ma non lo far sapere alla SIAE se no pretende i diritti di… spremitura! Essa, che è così brava a spremere artisti deboli, compagnie amatoriali squattrinate, bar trasmettenti musica sull’orlo del collasso et similia …. La SIAE è l’Equitalia dei Diritti d’autore.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI