Diritto e Fisco | Articoli

Assegno di mantenimento calcolato anche in base ai consumi dell’ex

10 Luglio 2012
Assegno di mantenimento calcolato anche in base ai consumi dell’ex

L’assegno di mantenimento non va determinato solo in base al reddito dichiarato dal beneficiario, ma anche in base al suo tenore di vita effettivo. 

Quando il giudice fissa l’ammontare dell’assegno di mantenimento che uno dei due coniugi sarà tenuto a versare all’altro, deve fare in modo che il beneficiario conservi lo stesso tenore di vita che aveva durante il matrimonio (almeno tendenzialmente). Per far ciò, deve quindi verificare il reddito di quest’ultimo e, sulla base di esso, parametrarvi l’assegno di mantenimento.

Può però capitare che il beneficiario dichiari al giudice un reddito diverso (cioè inferiore) rispetto a quello di cui materialmente gode, al solo fine di ottenere un assegno superiore.

Per evitare situazioni di tale tipo, è intervenuta una recente sentenza della Cassazione [1] che ha chiarito un concetto tanto logico quando giusto.

L’assegno di mantenimento non va determinato solo in base al reddito dichiarato dal beneficiario, ma anche in base al suo tenore di vita effettivo. Pertanto, la somma dell’assegno va ridotta se, da un’analisi delle spese dell’ex coniuge, risulti che quest’ultimo conduca una vita di più elevato tenore.

La Cassazione ha ritenuto [1] inverosimile che il reddito dichiarato da una donna fosse inferiore rispetto alla rata del mutuo e delle spese mensili dalla stessa sostenute. Pertanto, presupponendo che la stessa vivesse anche con altri cespiti, la Corte le ha ridotto l’assegno di mantenimento.

In altre parole, il giudice, quando determina l’ammontare dell’assegno da versarsi in favore del beneficiario, deve anche verificare che il reddito da quest’ultimo dichiarato sia attendibile e veritiero e non sia incompatibile col tenore di vita di fatto tenuto quotidianamente.

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 11414 del 06.07.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Mi sembra già una buona sentenza , bisogna lavorare di più per arrivare a non passare il divorzile specie se l’ex convive . Cordialità

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube