Business | Articoli

Telelavoro: basta uffici e cartellini, parola di Microsoft

13 Ottobre 2016
Telelavoro: basta uffici e cartellini, parola di Microsoft

Nessun orario di lavoro, nessun ufficio personale, nessun cartellino: per lavorare bene non servono. Ecco la ricetta Microsoft per una nuova rivoluzione industriale.

Orari standard, alienazione, assenza di tempi di vita adeguati: dimenticatelo, la frontiera del telelavoro è sempre più vicina, parola di Microsoft.

Nessun obbligo di timbrare il cartellino, nessun obbligo di rispettare gli orari di lavoro, nessun obbligo, soprattutto, di andare in ufficio.

A dirlo è Microsoft, non un’azienda qualsiasi. E se è vero che nel campo dei servizi digitali è più semplice gestire il lavoro da casa di quanto non lo sia farlo in aziende con catene di montaggio, è vero anche che fare una scelta di assoluta assenza di “controllo” del dipendente, è comunque coraggioso.

Ma si tratta di una scelta che nella maggior parte dei casi paga, perchè responsabilizza il dipendente, ne migliora il livello di qualità di vita e per conseguenza ne aumenta l’ “attaccamento alla maglia” e al brand aziendale.

Microsoft apre un “non-ufficio” in Germania

In occasione dell’ultima apertura europea in Germania, Microsoft ha deciso di abolire gli orari di lavoro fissi con i dipendenti.

Lo staff non sarà più obbligato a essere fisicamente in ufficio: il luogo e il momento non sono essenziali per lavoare bene. Orari flessibili, dunque, e non una postazione di lavoro, ma un luogo che faciliti lo scambio di idee e la creazione di percorsi di sviluppo.

Lavorare senza vincoli di spazio e orario: una nuova rivoluzione industriale?

Sabine Bendiek, amministratore delegato di Microsoft in Germania, spiega la novità in occasione dell’apertura della nuova sede tedesca a Monaco di Baviera. Cambiamenti che segneranno “una nuova rivoluzione industriale”:

Consideriamo il nostro nuovo ufficio una piattaforma e un laboratorio interdisciplinare di nuove idee” non è utile una suddivisione a compartimenti-stagno: ”La nuova sede è stata progettata per facilitare progetti di gruppo e la creazione di reti tra i colleghi”.

Uno sharing che si fa sempre più rilevante in ambito aziendale, prova ne sia la scelta di Facebook di lanciare Workplace, il social per le aziende, o meglio “di ogni azienda”, che permette di avere anche una piattaforma virtuale di condivisione (si legga Ecco Workplace: Facebook pensa alle aziende).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube