HOME Articoli

Lo sai che? Sanatoria 2012 per immigrati clandestini: il Governo dice si

Lo sai che? Pubblicato il 11 luglio 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 11 luglio 2012

Sanatoria e inasprimento delle sanzioni per chi assume immigrati clandestini.

Il Governo ha definitivamente approvato il decreto legislativo [1] che inasprisce le sanzioni per i datori di lavoro che assumano immigrati clandestini. Il provvedimento prevede una fase transitoria durante la quale gli stranieri irregolari potranno ottenere il permesso di soggiorno: in sostanza, una nuova sanatoria (per le modalità tecniche della sanatoria, confronta questo link). In conseguenza di ciò, le imprese e le famiglie che beneficiano del lavoro di clandestini potranno denunciare il rapporto subordinato “in nero”, evitando le gravi sanzioni della nuova normativa e consentendo ai migranti la regolarizzazione.

Attualmente, chi dà lavoro a un immigrato clandestino è punito con l’arresto da sei mesi a tre anni e con la multa fino a 5.000 euro per ciascun lavoratore irregolare. A ciò si aggiungono le sanzioni amministrative previste per la violazione degli obblighi retributivi e contributivi.

In base al provvedimento appena approvato, chi sia stato condannato, anche in via non definitiva, per un simile reato non potrà beneficiare del decreto flussi [2] e dovrà pagare una ulteriore multa pari al costo medio di rimpatrio del lavoratore straniero assunto irregolarmente.

Inoltre, se il lavoratore clandestino ha meno di 16 anni, se è sottoposto a condizioni di grave pericolo (da valutare caso per caso, in base alla tipologia di lavoro svolta), o se gli irregolari alle proprie dipendenze sono più di tre, le sanzioni per il datore aumentano da un terzo fino alla metà.

In tali circostanze, il lavoratore che denuncia può ottenere un permesso di soggiorno per motivi umanitari della durata di sei mesi, rinnovabile per un anno o comunque per l’intera durata del processo. Questo potrà essere convertito in un permesso per motivi di lavoro se, durante il procedimento giudiziario, il migrante dovesse trovare un regolare impiego.

Per conoscere il testo definitivo del provvedimento, bisognerà attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ma comunque sembra che il Governo abbia anche previsto una sanatoria: cioè una fase transitoria durante la quale sarà consentito ai datori di lavoro di evitare le nuove sanzioni, per eventuali clandestini già impiegati, attraverso la denuncia dei rapporti di lavoro irregolari già in essere entro una data certa, versando almeno tre mensilità di retribuzione, oneri fiscali e contributivi, oltre a una sanzione di 1.000 euro (per ciascun lavoratore irregolare). Una sorta di ravvedimento operoso. Ciò consentirà l’emersione del lavoro nero, introiti immediati (le sanzioni) e periodici (oneri fiscali) per lo Stato, ma soprattutto l’acquisizione del permesso di soggiorno per i clandestini.

 

 

note

[1] In recepimento della direttiva comunitaria 2009/52/CE, con conseguenti modifiche del T.Y. dell’immigrazione del 1998.

[2] L’atto normativo con il quale il Governo, ogni anno, stabilisce quanti cittadini stranieri non comunitari possono entrare in Italia per motivi di lavoro.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

82 Commenti

  1. Vorrei sapere, ma x gli extracomunitari che lavorano da tanti anni in Italia con un contratto stagionale, questa nuova senatori li permette di presentare al proprio datore un contratto a tempo indeterminato? Attendo una vostra risposta

  2. questa nn e giusto.mio fratello ha partecipato nella lege 2007,anche2011 nn haq avuto risp….ed e andato al paese il 23 dicembre.e tornato 3 mesi fa,adeso nn puo fare niente xche nn era in italia di continuo.serve pure un documento che era qua.ma se ha sempre lavorato come fa dimostrarlo. spiegatemi grazie sono disperato

  3. Mio figlio dopo15.10.12 remasto clandestino .che posso fare per metere in regula? Vorrei sapere posso sperare flussi 7 decemdre 2012

  4. Buongiorno Margaryta,
    è possibile fare la domanda per il decreto flussi, sempre che suo figlio rientri in una delle categorie alle quali sono destinate le quote. E’ giusto dire, però, che la maggior parte di esse si riferiscono a conversioni di permessi preesistenti. Ad ogni modo, le può essere utile il seguente articolo: https://www.laleggepertutti.it/19426_decreto-flussi-2012-da-ieri-i-moduli-sul-sito-del-ministero-dellinterno
    Distinti saluti

  5. scusi questo decreto e solo per imigratti da argentina ,uruguay,venezuela voglio sapere è anche per albanesi ?grz vi saluto esce qualche flusso a 2013 ?o e solo questo modulo e nn e altro

    1. Buonasera Ombra,
      il decreto flussi 2012 si rivolge a tutti i cittadini extracomunitari, ma ci sono 100 quote riservate a lavoratori subordinati o autonomi, discendenti da italiani e residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela o Brasile. Una cifra molto piccola, considerando che le quote sono in totale 13.850.
      Saluti

    1. Buonasera Ombra,
      io credo che dobbiamo chiarire un punto: l’articolo qui sopra si riferisce alla sanatoria 2012 e la sanatoria è chiusa: le domande si potevano presentare fino al 15 ottobre.
      Adesso, invece, parliamo di decreto flussi: tu puoi partecipare al decreto flussi, ma devi rientrare in una delle categorie indicate nel decreto. In questo articolo, troverai le informazioni di cui hai bisogno: https://www.laleggepertutti.it/19426_decreto-flussi-2012-da-ieri-i-moduli-sul-sito-del-ministero-dellinterno?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+LaLeggePerTutti+%28La+Legge+per+tutti+-+Studio+Legale+avv.+Angelo+Greco%29
      Saluti

  6. ho un amico qua in italia da due anni,ma non ha documenti, puo rientrare in una di queste categorie per fare i documenti? prego per una risposta chiara ed efficcente grazie…

    1. Buongiorno Margaryta,
      la sanatoria non viene emanata ogni anno dal governo. Personalmente credo sia difficile una nuova sanatoria nel 2013, visto che c’è già stata nel 2012.

  7. Buongiorno Elena,
    se lei si riferisce alle categorie del decreto flussi, bisogna precisare che questo provvedimento si riferisce ai cittadini extracomunitari che vogliono entrare in Italia per motivi di lavoro e non a chi è già in Italia ed è clandestino. Il decreto flussi riguarda quindi l’ingresso e non la regolarizzazione. Quindi la risposta alla sua domanda è negativa.
    Distinti saluti

  8. dott Temistocle te sei dentro di questo o sai come funziona …..dove posso andare per spieghiazioni chiari?scusi se ti distrubo cosi tanto ma sono iinteressatto perche nn cè l’ho dok….se esempio io sono in albania cose serve qua in italia per miei dok per porta nulla osta in albania grz mille che sei ne nostro dispozione come sempre

  9. Da 10.12.2012 sanatoria per extracommunitari clandestini in cazo di mio figlio ce sta in italia da 31.08.2012 posso metere in regula con un datore di lavoru

    1. Buonasera Margaryta,
      purtroppo no. I termini riaprono soltanto per quelle persone che hanno pagato il contributo di 1000 euro entro il 15 0ttobre 2012, ma non hanno poi presentato la domanda.

  10. Per Ombra: per avere un supporto, potresti chiamare il call center Linea Amica, istituito dal governo per informare e aiutare gli stranieri residenti in Italia. Il servizio è gratuito e gli operatori rispondono in Italiano, inglese, francese o spagnolo ai numeri 803.001, per chiamate da numero fisso, e 828.881 per chiamate da cellulare o anche via skype. In alternativa, puoi rivolgerti al patronato più vicino.
    Cordiali saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI